Inaugurata Fondazione Ordine Assistenti Sociali, Ippolito: “Col Pon più operatori per i distretti sociosanitari”

È stata inaugurata questa mattina a Palermo la sede della Fondazione dell’Ordine degli Assistenti Sociali. A tagliare il nastro ai locali di via Torino è stata l’assessore regionale alle Politiche Sociali, Famiglia e Lavoro Mariella Ippolito, in rappresentanza del Governo di Palazzo d’Orleans, su delega del presidente Nello Musumeci. “Con i fondi del Pon per l’Inclusione e le Politiche Sociali – ha spiegato l’assessore Ippolito -, ai distretti sociosanitari della Sicilia vanno quasi 115 milioni di euro, una somma che in gran parte sarà impiegata, oltre che per le azioni del Reddito d’Inclusione, soprattutto per il reclutamento di assistenti sociali ed operatori del Segretariato Sociale. Purtroppo però, confrontandomi con gli uffici dell’assessorato, risulta che circa un terzo dei distretti non ha ancora iniziato le attività, nonostante da alcuni mesi sia stata approvata la convenzione con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Proprio mentre stiamo inaugurando la sede della Fondazione – ha aggiunto inoltre il componente della Giunta Regionale -, è in corso la Commissione che raggruppa gli assessorati delle Politiche Sociali delle regioni italiane. In queste ore, sarà ripartito il fondo per le povertà, le cui risorse interessano proprio il potenziamento dei servizi. La Sicilia, dopo la Campania, è la regione che ha avuto assegnate le maggiori somme per il 2018, pari al 15,69% delle quote, ovvero più di 42 milioni di euro. Insomma si apre una nuova stagione sociale dove finalmente si potrà fare, e fare bene”.  i cui aderenti, per quasi il 90%, secondo una recentissima indagine, nel corso della loro carriera sono stati aggrediti verbalmente e il 61% era presente mentre ciò accadeva a un collega; il 15,4% ha invece subito una qualche forma di aggressione fisica, mentre il 35,8% ha temuto per l’incolumità propria o di un familiare e l’11,2% ha avuto danni a beni. “Un dato – ha concluso Ippolito – che diventa ancora più inquietante se si considera che il 95% di assistenti sociali sono donne”. La Fondazione, tra i suoi scopi statutari, annovera la progettazione anche in ambito comunitario, la formazione, la divulgazione scientifica e culturale, studi e ricerche in ambito sociale.