Corruzione ispettorato lavoro, 4 arresti a Catania: anche ex deputato Forzese ai domiciliari

Nove persone sono accusate di corruzione continuata, soppressione di atti, falsità materiale e ideologica di atti pubblici dalla guardia di finanza di Catania nell’ambito di un’inchiesta sul locale Ispettorato del Lavoro. Quattro persone sono agli arresti domiciliari: un ex deputato regionale, un ex consigliere comunale, il direttore e la responsabile legale dell’ufficio. Per gli altri cinque indagati – il direttore sanitario dell’Asp, due professionisti e due imprenditori – il Gip ha emesso un provvedimento di interdizione dalla professione. L’inchiesta della Procura distrettuale di Catania si basa su indagini della guardia di finanza compiute tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018.
Gli arrestati finiti ai domiciliari sono l’ex deputato regionale Marco Forzese, l’ex consigliere comunale Antonio Nicotra di Fi, il direttore e la responsabile legale dell’ufficio. Per gli altri cinque indagati – il direttore sanitario dell’Asp due professionisti e due imprenditori – il Gip ha emesso un provvedimento di interdizione dalla professione.