Operazione Black Job, Ippolito: “Collaborazione con gli inquirenti e provvedimenti conseguenziali”

L’invio immediato di un sostituto alla direzione dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Catania. È quanto ha disposto l’assessore regionale Mariella Ippolito dopo l’operazione “Black Job” del nucleo economico e finanziario della Guardia di Finanza di Catania. “Forniremo ogni forma di collaborazione utile agli organi inquirenti – ha commentato l’assessore Ippolito – e adotteremo i provvedimenti conseguenziali”. A Catania arriverà l’attuale direttore dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Palermo Venerando Lo Conti. “La designazione di un sostituto – ha concluso l’esponente della Giunta Regionale – consentirà la piena funzionalità del servizio nel rispetto della legalità”.

Sono quattro le persone arrestate e poste ai domiciliari dalla guardia di finanza di Catania nell’ambito dell’inchiesta sul locale ispettorato del lavoro per corruzione continuata: sono l’ex deputato regionale Marco Forzese, l’ex consigliere comunale Antonio Nicotra di Fi, il direttore e la responsabile legale dell’ufficio. Per gli altri cinque indagati – il direttore sanitario dell’Asp due professionisti e due imprenditori – il Gip ha emesso un provvedimento di interdizione dalla professione. L’inchiesta della Procura distrettuale di Catania si basa su indagini della guardia di finanza compiute tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018.