Violenta novantenne e minaccia badante, a processo ex vigile urbane di Castelbuono

Il 13 marzo dello scorso anno una badante romena denunciò un vigile urbano in pensione, Domenico Cillufo, 67 anni, di Castelbuono (Palermo), che gestiva le finanze di una novantenne malata. Come riporta l’Ansa, l’uomo, dietro la minaccia del licenziamento, le avrebbe estorto 5.500 in 5 anni, facendosi dare indietro la metà dei contributi Inps. Ma ieri al tribunale di Termini Imerese è venuto fuori ben altro: la donna ha detto d’aver comprato online una telecamera per riprendere quanto accadeva; oltre a estorcere denaro alla badante, l’uomo avrebbe violentato l’anziana.  Il maresciallo dei carabinieri Ernesto Nese, che quelle immagini le ha visionate, davanti al collegio presieduto da Vittorio Alcamo ha detto che l’uomo ripreso dalla telecamera “è girato, con i pantaloni abbassati, ma si riconosce chiaramente che è Cillufo. Le è salito di sopra e si sente la signora che grida: basta, basta”. La badante ha parlato delle continue minacce subite: “Sei una schiava – le avrebbe detto l’uomo – Sei romena e devi stare zitta”.