Ricerca in Sicilia, intesa tra Crea e assessorato Ambiente, Cordaro: “Sinergia per lo sviluppo”

Regione siciliana e C.R.E.A. pianificheranno e porteranno avanti insieme, nei prossimi anni, una serie di iniziative e di progetti comuni. E’ quanto prevede il protocollo d’intesa sottoscritto a Roma dal presidente del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria, Salvatore Parlato, e l’assessore del Territorio e dell’Ambiente, Toto Cordaro.
“Si tratta – spiega l’assessore – di una sinergia strategica che, avendo come principale obiettivo lo sviluppo del territorio, ne saprà soddisfare i bisogni sociali ed economici promuovendo anche l’educazione ambientale”.
La collaborazione sarà ad ampio spettro e va dalla realizzazione di programmi rivolti ad insegnanti, genitori ed alunni delle scuole dell’isola, al coinvolgimento di strutture pubbliche e private che operano nel campo della ricerca industriale e tecnologica; dalla definizione di progetti di formazione e di informazione, alla creazione di una rete di consulenza avanzata per supportare aziende e imprese nei loro processi di crescita.
“Da oggi – sottolinea Cordaro – abbiamo uno strumento in più che, pur non comportando alcun onere finanziario, saprà contribuire al nostro progresso puntando sulla ricerca e sull’innovazione di settori fondamentali per l’economia, offrendoci, di conseguenza, l’opportunità di promuoverli più facilmente oltre i confini regionali e nazionali”.
L’accordo raggiunto con il C.R.E.A. – che avrà una durata di quattro anni prorogabili, eventualmente, di altri quattro – prevede l’istituzione di un Comitato di indirizzo strategico che avrà il compito di implementare e di monitorare tutte le azioni programmatiche che saranno avviate, individuando anche le fonti di finanziamento a cui fare riferimento per sostenerle.