Sicilia, Musumeci: pronto ddl sulla pesca

Tutelare la pesca mediterranea e valorizzare i prodotti ittici siciliani, promuovendo le nostre tradizioni culturali e preservando il patrimonio dei borghi marinari e delle tonnare. Sono questi alcuni degli obiettivi di uno specifico disegno di legge predisposto dal governo regionale, i cui contenuti sono stati illustrati durante la riunione della Commissione consultiva della Pesca, alla quale ha preso parte il presidente della Regione Nello Musumeci. Presenti anche gli assessori alla Pesca, Edy Bandiera e al Territorio, Toto Cordaro, con i dirigenti generali dei rispettivi dipartimenti Dario Cartabellotta e Giuseppe Battaglia, una ventina di sindaci dei Comuni marinari dell’Isola e i rappresentanti delle organizzazioni di categoria.
«Il settore ittico – afferma il governatore – riveste un’importanza particolare per la nostra Isola. Abbiamo il diritto di vedere applicato appieno il nostro Statuto e in particolare l’articolo che attribuisce alla nostra Regione potestà primarie in materia di pesca. Dobbiamo rilanciare il settore, sensibilizzare i giovani alle attività della pesca e valorizzare i borghi marinari. Non è un problema di risorse, ma di progettualità, di fantasia e abbiamo bisogno di un costante e regolare confronto con gli operatori del settore».
La bozza del disegno di legge, che adesso andrà all’attenzione della Giunta di governo, prevede una maggiore autonomia della Regione e la possibilità di mettere in atto, sul piano normativo, azioni più efficaci e veloci. Verrà incentivata la tradizione della pesca artigianale, puntando al valore pedagogico del pescatore e alla sua identità marinara. Prevista anche una differente politica di cooperazione transfrontaliera: la pesca d’altura in acque internazionali è stata infatti quella che ha pagato il prezzo più alto, in termini di reddito e occupazione.
«Dopo l’auspicato cambio di passo dell’Unione europea, che finalmente ha compreso l’importanza della regionalizzazione delle attività – spiega l’assessore Bandiera – diventa strategico mettere mano a una nuova norma specifica che valorizzi l’identità mediterranea, per non rendere vani gli investimenti effettuati attraverso il Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca. Punti fermi la qualità della spesa che potrà essere perseguita e raggiunta attuando la Rete dei Comuni marinari, la valorizzazione dei prodotti ittici e la realizzazione di una filiera corta che consenta la vendita diretta da parte del pescatore, incrementando il loro reddito anche attraverso la pescaturismo e l’ittiturismo».
Durante la riunione della Commissione è stato firmato anche un Protocollo d’intesa tra i dipartimenti regionali della Pesca e dell’Ambiente per lo sviluppo dell’acquacoltura nell’Isola. Con la sottoscrizione dell’accordo si punta all’aggiornamento delle linee guida regionali del settore, con l’obiettivo della salvaguardia e del mantenimento della biodiversità.
«Le parole d’ordine – sottolinea l’assessore Cordaro – sono pianificazione, collaborazione e sinergia fra i dipartimenti. Attraverso questa soluzione si semplifica il procedimento e, dunque, gli aspetti relativi al rilascio delle autorizzazioni per le valutazioni di impatto ambientale e la gestione del demanio marittimo, grazie anche all’apporto strategico dell’Arpa, saranno concentrati in unica conferenza di servizi. Per noi maricoltura vuol dire più pesca nel rispetto dell’ecosistema».