Sicilia, Musumeci: in arrivo 520 nuovi bus, metà saranno elettrici

Centoventi milioni di euro per l’acquisto di 523 nuovi pullman per le aziende siciliane di trasporto, pubbliche e private. Lo ha deciso il governo Musumeci che ha impegnato, a tal fine, risorse europee, nazionali e regionali. In particolare, cinquantadue milioni di euro provenienti dal Fesr saranno destinati ai Comuni per comprare 226 mezzi del trasporto urbano, mentre altri sessantotto milioni del Fondo di sviluppo e coesione consentiranno alle aziende che espletano servizi urbani ed extra urbani di acquistare 297 autobus. Almeno la metà dei pullman da acquistare dovrà essere ad alimentazione elettrica.
«La Regione – afferma il presidente Nello Musumeci – continua a investire sul miglioramento del trasporto locale nell’Isola. Non solo rinnoviamo il parco mezzi delle aziende, ma offriamo maggiori standard qualitativi ai cittadini contribuendo al risparmio di carburante e alla diminuzione dell’inquinamento atmosferico. Eccellenza del servizio e sostenibilità ambientale erano tra i punti del nostro programma di governo e li stiamo rispettando. Così facendo saremo in linea con le più avanzate Regioni europee».
Gli odierni provvedimenti si vanno ad aggiungere a quelli varati nel febbraio scorso, quando sono stati stanziati cinquanta milioni di euro per l’acquisto di oltre 260 nuovi bus. Di questi i primi trenta saranno già disponibili a fine luglio e il resto entro l’anno.
«Ridiamo – spiega l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone – una nuova immagine al trasporto locale e soprattutto, come pochi in Italia, puntiamo a misure innovative che mirano a salvaguardare i centri storici dei Comuni e, al tempo stesso, la salute dei cittadini».