Scala dei Turchi, nuovo percorso via mare con mini passerella per raggiungere la scogliera: si attende l’ok della Soprintendenza

Un nuovo percorso via mare, che prevede anche la realizzazione di una mini passerella, per raggiungere la Scala dei Turchi ancora chiusa per rischio crolli. Il progetto è già stato presentato dal comune, si attende adesso il parere della Soprintendenza ai Beni culturali e ambientali di Agrigento che potrebbe arrivare già questa settimana. Lo ha annunciato ieri il sindaco di Realmonte Lillo Zicari. “Stiamo aspettando l’autorizzazione della Soprintendenza di Agrigento, speriamo che possa arrivare questa settimana, noi siamo già pronti – ha detto il sindaco al Giornale di Sicilia- a metterci al lavoro per garantire a visitatori e turisti, entro il mese di giugno, l’accesso alla Scala dei Turchi in condizioni di sicurezza. Le transenne sistemate sulla spiaggia nella zona a rischio crolli non verranno rimosse, ma abbiamo studiato un percorso alternativo per aggirare le barriere. Si tratta – ha spiegato il primo cittadino – di un passaggio attraverso il mare dove l’acqua è bassa e arriva massimo fino al ginocchio. Poi nella parte finale, davanti alla scogliera, nell’area più scivolosa, metteremo una pedana in legno che servirà da passerella. Così – ha aggiunto Zicari – ci allontaniamo dalla zona più pericolosa perché a rischio crolli e consentiamo ai turisti, almeno nel periodo estivo, di visitare in sicurezza la Scala dei Turchi”.

Il nuovo passaggio sarà realizzato, in particolare, nello specchio acqueo che la scorsa settimana è stato bonificato degli ancoraggi abusivi e pericolosi realizzati anni fa. Questa è la soluzione temporanea trovata dall’amministrazione comunale realmontina in attesa che venga messa in sicurezza la scogliera. Il progetto esecutivo è stato già presentato, si attende il finanziamento della Regione Siciliana nell’ambito degli interventi urgenti contro il dissesto idrogeologico. Si tratta di un progetto della Protezione civile, da circa 380 mila euro, che prevede il disgaggio per la messa in sicurezza della parete rocciosa, delle trincee drenanti e una rete metallica come protezione. Intanto, trovano ancora l’accesso sbarrato i turisti che arrivano in questi giorni in massa alla Scala dei Turchi. “Per quanto riguarda il progetto di messa in sicurezza della scogliera – ha spiegato il sindaco – stiamo facendo i vari passaggi burocratici in sinercie con l’assessorato regionale al Territorio e Ambiente, ma certamente i lavori non potranno essere realizzati durante l’estate. Proprio in considerazione dei tempi della pubblica amministrazione – ha specificato – abbiamo studiato una soluzione alternativa per garantire il passaggio fino alla Scala dei Turchi”.