Controlli della Polizia stradale nell’Agrigentino: otto automobilisti denunciati per guida sotto l’effetto di alcol

Nell’ambito di una operazione ad alto impatto della Polizia di Stato, denominata “Safe Driving For Good Transport” direttamente disposta dal sig. Capo della Polizia, sono stati effettuati mirati servizi di controllo del territorio con tre postazioni di controllo nei pressi di Agrigento, Canicattì e Sciacca. Si riportano di seguito i risultati conseguiti dagli uomini della Polizia Stradale di Agrigento coordinati dal Vice Questore Giuseppe Andrea Morreale, che aprono scenari inquietanti in questo primo week-end estivo.
Otto conducenti sono stati perseguiti per guida sotto l’influenza dell’alcool, si tratta di soggetti di giovane età compresa tra i 20 ed i 35 anni:
C.D. classe1993 nato a Caltanissetta; D.G. classe 1978 nato a Licata (AG); I.A.M. nato 1978 di Agrigento; P.D. classe 1984 di Agrigento, D.A.L. classe 1991 di Realmonte (AG) ; V.G.C. classe 1993 di Agrigento; C.E. classe 1995 prov. Di Piacenza ; P.M. classe 1995 di Favara (AG)
di questi SETTE sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per guida in stato di ebrezza due dei quali datisi alla fuga, sono stati inseguiti, raggiunti e fermati dagli agenti della Polstrada.
Nell’ambito di dette operazioni di controllo del territorio, protrattesi nell’intero arco del fine settimana, sono stati controllati 160 veicoli ed identificate 181 persone, viene spiegato in una nota.  Oltre alle infrazioni per guida in stato di ebrezza, sono stati accertate altre 38 violazioni al Codice della Strada costituenti illeciti amministrativi con un totale di 137 punti decurtati , e 10 patenti ritirate ai fini della sospensione e/o revoca. Sono stati sequestrati amministrativamente 2 veicoli.
Dal punto di vista della repressione dei reati connessi alla circolazione stradale, i dati raccolti costituiscono in questo primo servizio coordinato per l’estate appena iniziata, il risultato di un efficace attività della Polizia Stradale. “E’ tuttavia necessario, proprio perché ad inizio della bella stagione viene sottolineato in una nota della questura –  che tutte le associazioni ed i mezzi di informazione aiutino ancor più la Polizia Stradale e le altre istituzioni impegnate sul versante della sicurezza stradale, con una più fitta ed incisiva campagna di sensibilizzazione per gli utenti della strada a mantenere una condotta di guida più sicura e consapevole, nel rispetto delle norme sulla circolazione stradale. Diversamente, con i dati già raccolti, diventa difficile poter pensare ad una diminuzione dei costi che in termini di vite umane e costi sociali”.