La Goletta Verde arriva a Pozzallo: flash mob #NoOil di Legambiente contro le trivellazioni

Arriverà domani 17 luglio a Pozzallo (Rg) la Goletta Verde di Legambiente, l’imbarcazione ambientalista che sta viaggiando lungo le coste italiane – tour realizzato anche grazie al sostegno di CONOU, Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati, e dei partner Novamont e Ricrea, Consorzio nazionale per il riciclo e il recupero degli imballaggi in acciaio (La Nuova Ecologia e rinnovabili.it sono invece media partner) – con l’obiettivo di denunciare le minacce ai mari e alle coste italiane, purtroppo da tempo ben noti, a partire dalla maladepurazione che in Italia continua ad essere un’emergenza irrisolta e dal marine litter. Al centro della tappa nella provincia di Ragusa, il tema delle trivellazioni: alle 10.00 i volontari di Legambiente organizzano il flash mob #NoOil contro le trivellazioninelle spiagge Pietrenere e RaganzinoAlle 12, invece, saranno nella spiaggia di Sampieri (Scicli) per dire “no” alla insensata corsa all’oro nero che assedia i nostri mari. 

Nel pomeriggio, invece, spazio al tema dei migranti e dell’accoglienza. Alle 18, al porto di Pozzallo, appuntamento con la fotonotizia “Porti Aperti alla Solidarietà”. Alle 19, nella Chiesa Madre “Madonna del Rosario”, si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica SBARCHI di Massimo Assenza, a cura del circolo Legambiente “a valata” di Pozzallo. Alle 19.30 in Piazza del Municipio, si terrà l’incontro pubblico “Salvare vite non è reato. Per un Mediterraneo di pace e solidarietà” dove saranno presenti Roberto Ammatuna, Sindaco di Pozzallo, Mons. Antonio Staglianò, Vescovo della Diocesi di Noto, Stefano Ciafani, Presidente Nazionale Legambiente, Claudia Lodesani, Presidente Medici Senza Frontiere Italia, Kindi Taila, Presidente Deade, Samuele Cavallone, Coordinatore Sicilia_Medici per i Diritti Umani, Vincenzo Morello, Dottore del porto di Pozzallo, Guglielmo Puzzo, Presidente associazione “Tutti i colori della vita” (minori stranieri non accompagnati), Pozzallo, Francesco Fronte, Presidente CRI di Ragusa, Paola Ottaviano, Legale Borderline Sicilia e Sos Mediterranée. Invece per conoscere i risultati del monitoraggio delle acque realizzato lungo le coste siciliane bisognerà aspettare mercoledì 18 luglio, giorno in cui si terrà la conferenza stampa nel porticciolo di San Giovanni Li Cuti a Catania.