Agrigento, questore chiude locale che organizzava serate danzanti senza licenza di polizia

Ieri 23 luglio, personale della Squadra Amministrativa della divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell’Immigrazione coordinata dal Primo Dirigente Fatima Celona ha notificato un provvedimento di chiusura di un pubblico esercizio sito ad Agrigento emanato dal Questore Maurizio Auriemmma. Il provvedimento – viene spiegato in una nota – è stato adottato a seguito di ripetuti controlli e verifiche effettuati dalla Polizia di Stato nei confronti del citato locale nel quale si facevano svolgere serate danzanti senza avere ancora conseguito la licenza di polizia ex art. 68 TULPS ,presupposto necessario per potere intraprendere l’attività imprenditoriale di pubblico spettacolo, che consentivano di acquisire elementi di significativa valenza tali da accertare che il locale risultava ,oltre che privo di licenza , luogo di disturbo alla pubblica e privata quiete ,determinando, in tal modo una situazione di grave allarme sociale e di pericolo concreto per la collettività tale da ritenersi necessario un intervento di urgenza al fine di ripristinare adeguate condizioni di ordine e sicurezza pubblica.
Infatti ,nel corso dei controlli si è accertato che all’interno dell’esercizio venivano organizzate serate musicali e danzanti senza alcun titolo autorizzatorio di polizia e di agibilità dei locali per lo svolgimento di tale tipologia di spettacoli, con conseguente emissione di musica ad alto volume e schiamazzi che arrecavano disturbo alla quiete pubblica. Infatti ,a seguito di diverse richieste di intervento pervenute al “113” venivano accertate emissioni sonore che si diffondevano all’esterno e che erano udibili anche nelle vie adiacenti, nonché la presenza nelle vicinanze del locale di numerose autovetture parcheggiate in modo selvaggio, ossia sui marciapiedi, su entrambi i lati della strada, e , in alcuni casi , davanti l’ingresso delle abitazioni private; è stato accertato che numerose persone che uscivano da locale e che ivi stazionavano presentavano chiari segni di assunzione di alcool. Evidente difficoltà a deambulare e parlavano ad alta voce e che alle prime luci dell’alba all’altezza del locale si è verificato un incidente stradale.
E’ stato altresì accertato che nel locale è stata organizzata una ulteriore serata musicale e danzante, nonostante fosse già stata ordinata dal Questore la cessazione immediata dell’attività di trattenimenti danzanti ,senza attendere il rilascio della licenza di polizia ex art. 68del TULPS e permettendo l’ingresso al locale di un numero elevato di persone; è stato accertato altresì che il tratto di strada antistante il locale era stracolmo di ciclomotori e autovetture parcheggiate in maniera selvaggia. La titolarità in capo al Questore del rilascio delle licenze di polizia di pubblico spettacolo ha lo scopo di tutelare la sicurezza, l’incolumità della collettività ed è uno strumento normativo che consente al Questore di intervenire, con una misura di pubblica sicurezza avente natura tipicamente preventiva e cautelare, qual è appunto la sospensione e la successiva chiusura dell’attività in questione, nel caso in cui si accerti che un locale costituisca “ un pericolo per l’ordine pubblico , per la pubblica moralità e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini” , intervenendo, pertanto, a garanzia di interessi pubblici primari quali la sicurezza e l’ordine pubblico.