Ambiente, Di Caro (M5s): ”L’erosione nell’Agrigentino si mitiga con i frangiflutti non con le chiacchiere, qui ambientalisti feroci”

“Qui, durante la seconda guerra mondiale, riuscirono a sbarcare gli americani. Oggi non potrebbe sbarcare neanche un pedalò a causa di scelte scellerate, pseudo ambientaliste. Lo stesso hanno fatto a Zingarello (dove nei giorni scorsi è crollato un pezzo di costa, ndr). L’erosione delle coste si mitiga con i frangiflutti non con le chiacchiere”. Lo ha scritto su Facebook il deputato regionale del Movimento 5 stelle Giovanni Di Caro impegnato in questi giorni, insieme al collega Nuccio Di Paola nel “Tour delle due Sicilia” che sta puntando i riflettori sulle opere incompiute e sulle carenze infrastrutturali nell’Agrigentino. Il deputato ha condiviso una foto della “Spiaggia Rossa” di Licata dove si registra un problema di erosione costiera.
“Qua – ha detto Di Caro nella video diretta da Licata – abbiamo avuto un tipo di categoria di ambientalisti feroci, i frangiflutti dovevano essere messi nei tratti di costa indicati da loro, mentre in altri tratti di costa anche se c’era l’erosione non gliene fregava nulla. Prove ne sia, per esempio, che a Maddalusa ci sono i frangiflutti e c’è la spiaggia, mentre a Zingarello non ci sono i frangiflutti e cadono giù pezzi di costa”.