Migranti, minori scesi da nave Diciotti: sono 27 e ora saranno accompagnati in centri di accoglienza

Sono scesi tutti dalla nave Diciotti, ancorata nel porto di Catania, i minorenni che si trovavano a bordo dell’imbarcazione della Guardia costiera. In tutto, come riporta l’Ansa, si tratta di 27 minori non accompagnati. A dare il via libera era stato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dopo l’ispezione effettuata a bordo dal procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, e i numerosi appelli, tra cui quello della Procura per i minori del Tribunale di Catania che aveva inviato una richiesta ufficiale. I minori sbarcati saranno ora accompagnati in strutture di accoglienza, mentre resta incerto il destino degli adulti rimasti a bordo.

Intanto, La Procura di Agrigento ha aperto un’indagine per sequestro di persona e arresto illegale sul trattenimento a bordo della nave Diciotti dei 177 migranti soccorsi dalla Guardia Costiera. L’inchiesta è a carico di ignoti. Le ipotesi di reato inizialmente previste potrebbero essere modificate in base a valutazioni normative ancora in evoluzione vista la complessità del caso. “La situazione a bordo è critica. Ci sono diversi casi di scabbia. E comunque, in base alle convenzioni internazionali e alla legge italiana, i 29 minori non accompagnati hanno il diritto di sbarcare”, dice il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio dopo un’ispezione sulla nave Diciotti nell’ambito dell’indagine aperta dal suo ufficio.