Caso Diciotti, Salvini indagato per sequestro di persona attacca i pm su Facebook

Alta tensione tra il ministro degli Interni, Matteo Salvini, e i giudici. I magistrati palermitani hanno modificato le contestazioni ipotizzate inizialmente dalla Procura di Agrigento nei suoi confronti, contestandogli il reato di sequestro di persona aggravato. Il capo di Gabinetto Piantedosi non risulta indagato. Attacca il vicepremier, che apre in diretta Facebook la busta consegnatagli da carabinieri e inviata dalla Procura di Palermo. “Non mi ritengo nè un sequestratore nè un eversore. E magari mi assolvono”, dice, poco prima di aprire il plico.

“Qui c’è la certificazione che un organo dello Stato indaga un altro organo dello Stato, con la piccolissima differenza che questo organo dello Stato, pieno di difetti e di limiti, per carità, è stato eletto, altri non sono eletti da nessuno”, dice ancora Salvini. “Grazie ai magistrati, grazie al procuratore di Genova, grazie a tutti: mi date solo più forza”, ha affermato ancora il ministro. “Sono pronto ad andare dai magistrati domani, a farmi ascoltare: mi costituisco”, ha detto leggendo l’avviso di garanzia. “Mi accusano di sequestro di persona – ha aggiunto – e i migranti in gran parte si sono dileguati”. “Sono preoccupato? No. Né per questa vicenda né per quella di Genova” sui fondi della Lega. “Non mollo, finché me lo chiedono gli italiani”, ha aggiunto. “E se domani in Italia dovesse arrivare un’altra nave di clandestini, in Italia non sbarca”.

Le dichiarazioni di oggi del Ministro dell’Interno, intervenute dopo la notifica degli atti da parte della Procura di Palermo in merito alla vicenda della nave Diciotti, rappresentano un chiaro stravolgimento dei principi costituzionali – afferma l’Anm in una nota -, che assegnano alla magistratura il compito e il dovere di svolgere indagini ed accertamenti nei confronti di tutti, anche nei confronti di chi è titolare di cariche elettive o istituzionali.