Migranti, indagine su Salvini per il caso Diciotti: procura di Palermo ha inviato fascicolo al tribunale dei ministri

Oggi, la Procura di Palermo, per il caso Diciotti, ha richiesto collegio speciale per i reati cosiddetti ministeriali di procedere ad indagini preliminari nei confronti del Ministro dell’Interno,  Matteo Salvini, per il reato di sequestro di persona aggravato (artt. 81 e 605, commi 1, 2 n. 2 e 3, cod. pen.),  secondo le accuse commesso nel territorio siciliano fino al 25 agosto 2018, in pregiudizio di numerosi soggetti stranieri; ciò, in ossequio alle disposizioni della Legge Costituzionale n. 1 del 1989 e della Legge n. 219 del 1989.

Dell’avvio di tale procedura è stato dato avviso al vicepremier Salvini ed è in corso la notifica degli avvisi ai soggetti da ritenersi persone offese del reato ipotizzato. La competenza a svolgere le indagini appartiene al cosiddetto Tribunale dei Ministri; nessun atto di indagine è stato quindi compiuto da questa Procura, che ha pertanto proceduto esclusivamente sulla base degli atti ricevuti e degli elementi, in fatto ed in diritto, allo stato dagli stessi ricavabili.