Sanità nell’Agrigentino, bando Asp per acquistare sei nuove ambulanze

Servono sei ambulanze. E sono necessarie – per prestare servizio negli ospedali di Agrigento e della provincia – anche urgentemente. L’azienda sanitaria provinciale di Agrigento, come riporta il Giornale di Sicilia oggi in edicola, ha riaperto i termini di una precedente indagine di mercato, con la quale si cercavano soltanto due mezzi di soccorso di tipo rianimatorio. Adesso, la ricerca, di fatto, è salita a ben sei mezzi. Cinque, eventualmente, le ambulanze che l’Asp potrebbe decidere di versare in permuta. Ciclicamente, anche l’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento è costretta a dover fare i conti con mezzi di soccorso non più nuovissimi – sia per quanto riguarda i chilometri percorsi dalle ambulanze che per le apparecchiature e le attrezzature di cui sono dotate – e, dunque, con la necessità di acquisti e sostituzioni.

Le due ambulanze di tipo rianimatorio servono per i presidi ospedalieri di Agrigento e Sciacca. La decisione di acquistare questi due nuovi, indispensabili, mezzi di soccorso è stata presa all’inizio del mese di settembre dello scorso anno. Negli ultimi giorni, però, la decisione – dell’Azienda sanitaria provinciale 1 di Agrigento – di riaprire i termini dell’indagine di mercato. Perché, nel frattempo, la situazione si è «aggravata». In sostanza all’Asp di ambulanze – questa volta di tipo «B» – ne servono altre quattro da utilizzare per gli ospedali «San Giovanni di Dio» di Agrigento, «Barone Lombardo» di Canicattì, «San Giacomo d’Altopasso» di Licata e «Giovanni Paolo II» di Sciacca.