Sapori di mare e vini Milazzo al FISH&co 2018, il Rosé di Rosa in abbinamento con la Fauzza

É il Rosé di Rosa dell’Azienda Agricola G. Milazzo il vino ufficiale dell’edizione 2018 di FISH&co che si terrà il prossimo 16 settembre a Licata. Iniseme al Rosé di Rosa ci saranno altre cinque referenze della cantina Milazzo, tra cui lo spumante metodo classico e il Bianco di Nera.   Spesso i rosati vengono bistrattati, poiché in passato sinonimo di scarsa qualità: spesso frutto della miscelazione tra vini bianchi e rossi. Anche i rosati invece hanno grandi potenzialità, se ben realizzati ed offrono una vasta gamma di abbinamenti. Il Rosé di Rosa è stato scelto in abbinamento con la Fauzza, a cui è dedicata questa edizione di FISH&co, e con le preparazioni in versione street food che verranno proposte da chef, cuochi, pasticceri ed artigiani. Grazie alla morbidezza dei rosati e alla loro apprezzabile acidità, non eccessiva come nei bianchi, questa tipologia di vino consente di creare eccellenti binomi con una molteplicità di preparazioni.
La maggiore struttura rispetto ai bianchi e la bassa quantità di tannini, pertanto una bassa astringenza, risulta indicata nei piatti a base di pesce, in particolare con pesce riccamente condito, nei piatti a base di carne, specie alla griglia, primi piatti e prodotti da forno conditi con il pomodoro.
Il Rosé di Rosa è realizzato con particolari selezioni di un antico biotipo di Calabrese, comunemente conosciuto nell’area di Campobello di Licata come Inzolia Rosa. La valorizzazione dei vitigni autoctoni, anche attraverso la riscoperta di antichi biotipi, la sperimentazione in vigna nella selezione dei cloni e nella cura estrema per individuare il suolo più adatto in cui impiantare le viti, rappresentano da sempre gli elementi che caratterizzano il modo di intendere il lavoro di viticoltori dell’Azienda di Campobello di Licata. La presenza di argilla calcarea rende i terreni in cui vengono coltivate le uve particolarmente adatti alla sua coltivazione e conferiscono ai vini un colore delicato e stabile insieme ad un aroma tipicamente mediterraneo. Dopo la maturazione in acciaio viene avviata la seconda fermentazione in autoclave per realizzare uno Charmat corto, per esaltare al calice profumi e morbidezza dall’impatto immediato. Si presenta di un bel colore rosato con riflessi ramati. Al calice offre sentori di frutto maturo con riferimento ai frutti di bosco. In bocca risulta fragrante e pieno con una buona sapidità e una piacevole lunghezza.