Menfi, nuova costruzione accanto a torre del ‘500 a Porto Palo: denunce di Italia Nostra e Sgarbi

“La nostra associazione ha ricevuto la segnalazione di lavori di ristrutturazione aventi ad oggetto una costruzione ubicata in prossimità di una torre di avvistamento cinquecentesca che domina la baia di Porto Palo, in territorio di Menfi. I lavori di ristrutturazione in questione stanno rendendo l’edificio di taglio moderno in stridente contrasto con il bene storico sopra citato. Peraltro, dalla documentazione fotografica che abbiamo avuto modo di esaminare, la costruzione preesistente, realizzata in epoca remota, e sulla quale si sta intervenendo, aveva caratteristiche ben diverse che, a una comparazione delle immagini tra prima e dopo, appaiono completamente stravolte”. Lo scrive la referente di Italia Nostra di Agrigento, Adele Falcetta, in una lettera inviata alla Soprintendenza dei beni culturali e ambientali di Agrigento e al comune di Menfi.

La referente di Italia Nostra nell’Agrigentino aggiunge: “Non occorre ricordare che, quanto segnalato, si scontra con i principi più elementari di salvaguardia del patrimonio storico e artistico (cui senza dubbio appartiene la torre cinquecentesca) e di quello naturale (la spiaggia di Porto Palo). Pertanto si chiede, agli Enti in indirizzo, se per i lavori in oggetto sono stati richiesti regolari autorizzazioni e nulla osta, affinché venissero eseguiti nelle modalità segnalate; se trattasi di edificio pubblico o privato; l’epoca alla quale risale l’antica costruzione sulla quale si sta intervenendo. In attesa di un cortese riscontro, la nostra Associazione manterrà l’attenzione sul problema segnalato, e prenderà le necessarie iniziative volte alla salvaguardia dei beni tutelati”.

Della vicenda si è occupato nei giorni scorsi con un post su Facebook anche Vittorio Sgarbi nell’ambito del progetto “Italia sfregiata”. “Quella che vedete nella foto è una Torre di avvistamento del 1583. Si trova sul promontorio che domina la baia di Porto Palo, a Menfi, in provincia di Agrigento, dove peraltro c’è una spiaggia che da anni viene premiata con la bandiera blu. E’ una delle tanti torri costruite allora come sistema difensivo e di avvistamento. Grazie a una segnalazione di Francesca Capizzi, cronista del «Giornale di Sicilia», abbiamo appreso dei lavori in corso un edificio adiacente. Vi mostriamo delle foto riprese da diverse prospettive e mi chiedo: con quali argomenti la Sovrintendenza ha dato il suo nulla osta? Per segnalazioni: italiasfregiata@gmail.com”.