Corruzione e abuso d’ufficio, indagato a Trapani assessore regionale Mimmo Turano

“Ho saputo di essere indagato nell’ambito di un’inchiesta condotta dalla Procura di Trapani su fatti che sarebbero accaduti ad Alcamo due anni fa. L’indagine non riguarda in alcun modo il mio attuale ruolo di assessore”. Lo ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano (Udc), a proposito dell’inchiesta sfociata in quattro arresti nel Trapanese. “Sono assolutamente sereno – ha aggiunto l’assessore – e ho piena fiducia nella magistratura e nel lavoro dei giudici. Ho già informato il presidente della Regione e ho già dato mandato ai miei legali al fine di chiarire al più presto la mia posizione”.

La Guardia di finanza di Alcamo ha posto agli arresti domiciliari il capo del Genio civile di Trapani, un dirigente del Comune di Castellammare del Golfo e due imprenditori. I provvedimenti restrittivi emessi dal Gip di Trapani, su richiesta della locale Procura, ipotizzano, a vario titolo, i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, falso materiale e ideologico commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici e violazioni alla normativa in materia di appalti pubblici. Indagate altre 26 persone, tra funzionari pubblici, imprenditori e professionisti, nell’ambito di due distinti procedimenti penali tra loro collegati, che hanno permesso di portare alla luce un sistema finalizzato ad “assicurare indebite agevolazioni a numerosi soggetti privati ed imprenditori in relazione agli adempimenti in materia di edilizia privata e pubblica di competenza del Genio civile e all’affidamento di lavori pubblici”.

Secondo l’accusa molte delle pratiche dirette all’ufficio del Genio Civile della Provincia di Trapani sarebbero passate dallo studio tecnico del figlio dell’ingegnere capo, grazie all’opera di un compiacente gruppo di ingegneri, architetti e geometri interessati a favorire i loro clienti. Da intercettazioni telefoniche della guardia di finanza emerge che in cambio il capo del genio civile di Trapani otteneva soldi e altre utilità. Tra quest’ultime le Fiamme gialle citano un consistente sconto su un credito vantato nei confronti di una società del settore delle energie rinnovabili, amministrata di fatto dallo stesso pubblico ufficiale e lavori edili in due sue case, facendo pagare i costi al condominio con fatture ‘gonfiate’. In cambio l’imprenditore ha ottenuto due affidamenti diretti per lavori a un manufatto di una Pubblica amministrazione. Come riporta l’Ansa, nell’altra inchiesta, al dirigente del III settore Lavori pubblici del Comune di Castellammare del Golfo sono contestati atti contrari ai propri doveri d’ufficio per avere “sistematicamente agevolato due imprenditori titolari di società di costruzioni di edifici, estrazione di pietre e coltivazione, attraverso l’assegnazione di appalti pubblici e l’affidamento diretto di gare in somma urgenza”.

Inoltre avrebbe permesso loro di “beneficiare di maggiori introiti attraverso illegittime delibere comunali di varianti in corso d’opera” e di ottenere “l’aggiudicazione di appalti pubblici nonostante l’irregolarità della posizione contributiva”. In cambio lui e la moglie avrebbero ottenuto la “concessione gratuita di una porzione di terreno per l’installazione di due campi eolici”. Indagini delle Fiamme Gialle trapanesi hanno interessato anche tre titolari di aziende di autotrasporti a Alcamo che attraverso l’utilizzo di falsi buoni di prelievo avrebbero provveduto ad effettuare numerosi prelievi di acqua potabile al serbatoio comunale senza pagarla e avrebbero prelevato da pozzi privati acqua non potabile destinandola al consumo umano (ad esempio, presso un centro dialisi, scuole e bar). Su queste situazioni è intervenuto il Comune di Alcamo