Pensioni, Salvini: ”Non ci sono penalizzazioni per chi esce a 62 anni con Quota 100”

Per accedere alla pensione anticipata a 62 anni si deve rinunciare a quota considerevole dell’assegno mensile. “Non è vero, ma è evidente che chi va via prima non porta anche i contributi che non ha versato. Nessuna penalizzazione. Diamo la possibilità a circa 600 mila italiani”. Lo ha affermato il vicepremier Matteo Salvini parlando della Quota 100 in diretta radiofonica a ‘No stop news’ su Rtl 102.5. La Quota 100 prevede il pensionamento a 62 anni di età con 38 anni di contributi.