Musumeci a Malta incontra il Capo dello Stato ”con l’obiettivo di creare occasioni comuni di crescita e sviluppo”

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è stato ricevuto stamane a Malta, nel corso della sua prima visita ufficiale all’estero, dal Capo dello Stato Marie Louise Coleiro Preca. Nel corso del cordiale e lungo colloquio, il governatore ha affrontato, tra i vari temi, quello delle acque territoriali per la pesca, causa da sempre di conflitti con alcuni Paesi nordafricani e vero e proprio tormento delle flotte pescherecce siciliane. I due presidenti hanno discusso anche della possibilità di valutare nuove forme di collaborazione in ambito turistico, utilizzando soprattutto il prossimo incremento delle rotte aeree della compagnia di bandiera maltese in Sicilia. «Con Malta ci legano- ha sottolineato Musumeci – radici profonde e lontane nel tempo per affinità culturali e scambi nel settore del commercio e dell’industria. Le nostre imprese possono trovare, in quel territorio, un luogo ideale per localizzare i loro investimenti e, di contro, le aziende maltesi lo possono fare nella nostra regione, con l’obiettivo di creare occasioni comuni di crescita e sviluppo».

Un vantaggio in tal senso può arrivare anche dal Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Malta 2014/2020, che ha una dotazione finanziaria di oltre cinquanta milioni di euro, del quale il dipartimento regionale della Programmazione è Autorità di gestione. Rispetto al precedente ciclo sono presenti alcune significative novità per lo sviluppo dei servizi innovativi per le imprese e per la creazione di reti per favorire la mobilità di ricercatori e lavoratori. L’obiettivo è quello di contribuire alla crescita intelligente, sostenibile e inclusiva a livello transfrontaliero, assistendo la specializzazione nei settori della ricerca e dell’innovazione. Musumeci ha incontrato anche il ministro dell’Energia Joe Mizzi, con il quale ha discusso dello stato di avanzamento dei lavori del gasdotto Malta-Sicilia e in particolare del rispetto dell’ambiente naturale e marino nella costruzione dell’opera. Il componente del governo Muscat ha rassicurato, in tal senso, il presidente della Regione sul proseguimento della concertazione con tutte le parti interessate, annunciando che nei prossimi mesi sarà in Sicilia per ulteriori incontri. «Vogliamo lavorare – ha sottolineato Mizzi – insieme con le autorità siciliane». Il presidente Musumeci era accompagnato dagli assessori all’Ambiente Toto Cordaro, al Turismo Sandro Pappalardo e dai dirigenti generali per gli Affari extraregionali Vincenzo Falgares e per la Pesca Dario Cartabellotta.