Sanità nell’Agrigentino, parlamentari M5s incontrano neo direttore Asp

“Si è svolto nella giornata di ieri l’incontro tra i parlamentari del Movimento 5 Stelle, il senatore Rino Marinello e il deputato regionale Matteo Mangiacavallo, e il neo direttore generale dell’ASP di Agrigento, dott. Giulio Santonocito. Al centro della discussione – si legge in una nota dei due parlamentari – il grave stato di criticità della sanità agrigentina, sulla quale il manager dice di essere già al lavoro. È stato chiesto lo sblocco immediato degli incarichi a tempo determinato per le numerose Unità Operative in crisi di personale ed al contempo è stata chiesta, con urgenza, l’attivazione delle procedure per l’espletamento dei concorsi per dirigenti medici delle aree di emergenza (Pronto Soccorso, Cardiologia, Emodinamica, Rianimazione). A ciò è stato aggiunto il completamento, nonché riorganizzazione, di diverse UU.OO. Nello specifico è stato evidenziato che le aree di emergenza di alcuni presidi hanno urgente bisogno di apparecchiature e linee di monitoraggio per l’OBI, per un percorso ottimizzato clinico-strumentale e per ridurre i tempi di attesa”.

“Si è pure evidenziato – aggiungono Mangiacavallo e Marinello – quanto risulti carente il parco ambulanze che va assolutamente adeguato e riammodernato. L’ambulanza del P.O di Sciacca (targata BN 701 EV, anno di immatricolazione 2000), ha effettuato addirittura oltre 587mila chilometri e deve essere sostituita. Un’ambulanza che sta più dal meccanico per riparazioni che in servizio, per ben due volte si è bloccata su strada, fortunatamente dopo avere lasciato i pazienti in ospedale. Oggetto di attenzione anche l’abnorme perdita di risorse (circa 130 mila euro) che l’ASP di Agrigento ogni anno è costretta a pagare per prestazioni non erogate. L’obiettivo è il recupero di tali somme dalla mobilità passiva da destinare alla creazione e potenziamento delle UU.OO. e all’aumento della qualità dei servizi erogati. I rappresentanti del M5S saranno vigili affinché la loro idea su una Sanità pubblica di “qualità” si realizzi. Il dott. Santonocito è stato infine sollecitato alla soluzione dei problemi inerenti il comprensorio sanitario di Sciacca, dagli ospedali riuniti, fino ai presidi minori dove è attesa, nei prossimi giorni, la visita del neo manager. Particolare attenzione è stata data alla richiesta di risoluzione dell’annoso problema delle zanzare e degli accessi ospedalieri, alla rivalutazione dei servizi di qualità alla creazione di una Telemedicina che possa coinvolgere i vari presidi ed il territorio, perchè anche dalle guardie mediche i cittadini devono avere risposte immediate e certe”.