Nonno Antonino ha compiuto 107 anni, festa a Caltabellotta

Antonino Turturici, classe 1912, ha compiuto ieri 107 anni ed è la persona, di sesso maschile, che ha vissuto più a lungo a Caltabellotta. Un bel primato che, invece, in campo femminile, come racconta il Giornale di Sicilia oggi in edicola, detiene sempre Calogera Nicolosi, che è venuta a mancare, nel 2014, all’età di 110 anni e 6 mesi e che si era inserita al quattordicesimo posto in campo nazionale tra le persone più anziane. Nonno Antonino gode di buona salute, qualche acciacco determinato dall’età e la vista un po’ incerta, ma per il resto sta bene. Di lui si prende cura l’unica figlia, Maria Biagia, insegnante. Durante la mattina c’è un’altra persona che lo assiste. L’anziano vive con la figlia, il genero e due nipoti. «La mente c’è, lo spirito c’è, il corpo non c’è più» è una delle frasi che ogni tanto ripete il nonnino di Caltabellotta che faceva il contadino, ma amava leggere ed è religiosissimo. Nel 1975 è stato a Roma per il Giubileo, poi è tornato nel 2000, ma un viaggio religioso nella capitale lo aveva fatto anche nel 1990. «A padre Mangiapane, che è stato arciprete di Caltabellotta – dice la figlia di nonno Antonino – mio padre ha detto che gli piacerebbe tornare a Roma per il Giubileo del 2025. Chissà?». Ieri nella casa del nonnino di Caltabellotta è arrivato anche il sindaco, Paolo Segreto, con la fascia tricolore. A Caltabellotta vivono anche Marianna Pipia di 102 anni e Giuseppe Tornetta di 103. L’aria buona e il cibo ancora genuino certamente incideranno. «Ormai il mio comune – dice il sindaco Segreto al Gds – è quello dei longevi».