Un seggio alla Camera lasciato vacante da M5s è andato al centrosinistra, eletto il giornalista Andrea Frailis

Il centrosinistra ha vinto le elezioni in Sardegna segnate dall’astensionismo. Si votava per sostituire il velista eletto deputato M5s dimissionario Andrea Mura, ‘sfiduciato’ dal suo stesso partito per le numerose assenze. Nelle elezioni suppletive, riporta Quotidiano.net, si è imposto il giornalista 62enne Andrea Frailis con il 40,4% delle preferenze. Il candidato del M5s Luca Caschili non è andato oltre il 28,9%. Daniela Noli, candidata del centrodestra che si è presentato unito alle consultazioni, ha avuto il 27,8%.

Ma il dato veramente significativo è l’astensione: è andato alle urne solo il 15% degli aventi diritto. A sostegno di Caschili e di Noli, ricorda Repubblica, si erano mossi i leader dei rispettivi schieramenti. Il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, per il M5s, e con un viaggio flash a Cagliari, Oristano e Alghero il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi.

Il fronte di Frailis era invece lo stesso che sostiene il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda: Pd, Liberi e Uguali e Campo progressista. Nelle 305 sezioni del collegio uninominale di Cagliari, riporta la Nuova Sardegna, hanno votato in 39.101, il 15,54% degli elettori. Frailis ha avuto 15.581 voti, il 40,46%. Caschili 11.139) il 28,92%) e Noli 10.707 (27,80%). Enrico Balletto di Casapound ha avuto 1.083 voti, il 2,81%. Basti pensare che nelle politiche del 4 marzo 2018, Mura era styato eletto con 60mila quasi voti battendo l’ex governatore sardo Ugo Cappellacci di Forza Italia  che era comunque stato eletto nel proporzionale. (AGI)