Rischia di crollare l’assessorato regionale all’Agricoltura, trasferiti duecento dipendenti

Quel palazzo rischia di crollare, se non per intero almeno in alcune parti importanti e per questo motivo la Regione ha deciso di trasferire la metà degli uffici dell’assessorato all’Agricoltura. Una sorta di esodo – come racconta il Giornale di Sicilia oggi in edicola – che ha coinvolto almeno 200 dei 400 dipendenti del dipartimento, che si sono spostati in tutta fretta e senza tanto clamore dalla storica sede di viale Regione Siciliana (vicino all’ex motel Agip) alla via Camilliani. Il tutto alla Regione costa un secondo maxi affitto, visto che per la nuova sede verranno sborsati fra i 100 e i 150 mila euro all’anno. E il rischio è che il buco nelle casse sia molto maggiore visto che, malgrado ne abbia ceduto la proprietà, la Regione potrebbe dover accollarsi i costi di restauro dell’immobile di viale Regione Siciliana: in quel caso la stima è di alcuni milioni da uscire subito. È la cronaca di una serie di operazioni economiche fallimentari andate avanti fin dagli anni del governo Cuffaro e proseguite fino ai giorni nostri.