Sea Watch a Catania, migranti in festa

Si e concluso, tra abbracci e strette di mano e saluti tra membri dell’equipaggio e gli extracomunitari, lo sbarco degli migranti dalla Sea Watch 3 a Catania. Dopo che è sceso l’ultimo dei migranti i componenti l’equipaggio hanno mandato ai migranti un ultimi saluto dall’imbarcazione e poi si sono abbracciati tra di loro. La Sea Watch ha attraccato nel molo di Levante. Appena le manovre sono finite i migranti a bordo hanno festeggiato l’arrivo a Catania abbracciandosi tra di loro e abbracciando anche i componenti dell’equipaggio della nave della Ong tedesca battente bandiera olandese. A bordo ci sono 47 migranti soccorsi nel mare Mediterraneo, compresi 15 minorenni non accompagnati. La nave durante il suo viaggio dal largo di Siracusa, dove era alla fonda, a Catania è stata scortata da motovedette della guardia costiera e della guardia di finanza.

Guardano il molo, la terra promessa e l’imponente sistema di accoglienza messo in campo dalla prefettura di Catania per la loro assistenza. Sono felici,
ma anche curiosi i 47 migranti a bordo della Sea Watch. Dalla nave, ormeggiata sotto uno splendente sole invernale nel molo di Lavante e sferzata dal forte vento, scattano foto e fanno video con i loro telefonini. Per curiosità e per festeggiare la fine della loro odissea in mare: sono state infatti avviate le procedure per il loro sbarco. Alcuni di loro indossano la maglietta della Croce Rossa Italiana. Dall’altra parte del molto qualcuno ha esposto uno striscione con la scritta: “Stop the attack on refugees”, basta attacchi ai rifugiati.