Elezioni amministrative in Sicilia il 28 aprile, chiamati alle urne 34 comuni

Elezioni Amministrative il 28 aprile 2019 in Sicilia. Non ci sarà, quindi, election day con le Europee, previste in una data compresa tra il 23 e il 26 maggio. “La data del 28 aprile, individuata dal Governo per le prossime elezioni amministrative nell’Isola, è stata una scelta obbligata dalla decisione del Parlamento siciliano”. Lo dichiara, in una nota, l’assessore regionale alle Autonomie locali Bernardette Grasso, che aggiunge: “Nella legge regionale, che consentirà finalmente alle ex Province di tornare al voto, dopo anni di continui commissariamenti, infatti, è stato previsto che il rinnovo dei sindaci e dei Consigli comunali fosse antecedente a questa consultazione. Visto che a fine maggio si voterà anche per il Parlamento europeo,  quindi, non c’erano altre possibilità. L’ipotesi di un ‘election day’ tra amministrative ed europee non era praticabile perchè avrebbe fatto slittare le elezioni di Città metropolitane e Liberi consorzi dei Comuni a dopo il 30 giugno, costringendoci all’ennesima norma di proroga dei commissari straordinari e quindi con ulteriori costi per gli Enti locali”.

I comuni siciliani chiamati alle urne il 28 aprile prossimo sono 34. Nell’Agrigentino si voterà in quattro comuni: Alessandria della Rocca, Caltabellotta, Naro, Santa Elisabetta. Nel Nisseno si va alle urne in altri quattro Comuni Caltanissetta, Gela, Mazzarino, San Cataldo. In provincia di Catania chiamati alle urne in altri quattro comuni: Aci Castello, Motta Sant’Anastasia, Ragalna, Zafferana. In provincia di Enna si voterà ad Aidone. In provincia di Messina sono dieci i comuni chiamati al voto: Brolo, Condrò, Leni, Mandanici, Mistretta, Rometta, Spadafora, Tortorici. In provincia di Palermo andranno al voto: Bagheria, Bompietro, Cinisi, Monreale, Roccamena. Nel Siracusano si va alle urne a Pachino, in provincia di Trapani si voterà a Calatafimi-Segesta, Mazara del Vallo, Salaparuta e Salemi.