”Il gioco d’azzardo patologico in Italia, le donne al centro”, convegno all’Ars l’8 marzo

“Il gioco d’azzardo patologico in Italia, le donne al centro”. E’ questo il titolo del convegno internazionale che si terrà venerdì 8 marzo a Palermo – nella Sala Gialla di Palazzo dei Normanni a partire dalle ore 9 – sul rapporto tra gioco d’azzardo e donne nasce dalla necessità di contrastare l’invisibilità di un fenomeno che anche nella nostra Sicilia è tanto consistente quanto sottostimato e poco indagato dal punto di vista scientifico. L’incontro è promosso dall’Associazione ALEA in collaborazione con l’Assessorato della Salute Regione Siciliana e l’ASP Palermo.

Cosa si conosce del gioco problematico femminile, quali sono le sue specificità e la sua reale diffusione? In cosa le donne differiscono dagli uomini che azzardano e quali problemi specifici correlano questa tipologia di disturbo al setting terapeutico? Perché poche giocatrici chiedono di avviare un trattamento? Che cosa s’intende per ricerca e clinica di genere, evidence based, finalizzata ad interventi mirati? È stata superata l’idea che le donne siano attratte da giochi d’azzardo senza “abilità” e quindi meno competitivi? Le giocatrici sono impulsive?

A questo e molto altro cercheranno di rispondere le relazioni di esperte italiane e straniere che hanno fatto del focus sul mondo delle giocatrici un modo per rivolgere l’attenzione al lato nascosto della luna, e del loro lavoro un’esperienza particolarissima di ricerca psicologica su quell’“Esistere come donna”, volta a recuperare le radici archetipiche di un una cultura del fare, del custodire, del coltivare, della pace; una cultura di donne miti e forti al tempo stesso. Una di queste straordinarie donne è stata Marina D’Agati, studiosa di grande pregio e rigore, forte determinazione e passione; Marina ha collaborato intensamente con noi su questo tema a lei caro, e alla sua memoria è dedicato il convegno.

PROGRAMMA

Mattina

8,30 Registrazione dei partecipanti

9.00 Saluti delle Autorità

Gianfranco Miccichè, Presidente ARS

Ruggero Razza, Assessorato alla Salute

Margherita La Rocca Ruvolo, Presidente Commissione Sanità, ARS

Maria Letizia Di Liberti, Dirigente Generale Assessorato alla Salute

Daniela Faraoni, Direttore Generale ASP Palermo

Presidenza ALEA ( associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio)

Chairman

9.30 Introduzione: “I perché di un convegno al femminile” Fulvia Prever

09.45 “L’approccio istituzionale al contrasto al GAP: Il Piano Regionale di Prevenzione 2014-2019” Daniela Segreto

10.00 “La realtà dell’Azzardo Gioco d’azzardo Patologico in Italia e in Sicilia” Francesca Picone

 

10.20 “La ricerca e la clinica nel DGA al femminile; esperienza ed evoluzione del Gruppo Donne di Milano ” Fulvia Prever & Monica Minci , Marina D’Agati

11.00 -11.15 BREAK

Chairman: Marie Di Blasi

11.15  “L’esperienza internazionale di rete” Fulvia Prever

ore 11.55 “L’esperienza britannica: Il trattamento residenziale breve per giocatrici” Adele Duncan (Gordon Moody, UK)

12.45 Domande e Dibattito

ore 13.00 -14.30 PRANZO

Pomeriggio

Chairman: Loredana Varveri

14.30 “L’azzardo delle donne in Sud America” Debora Blanca (Argentina)

14.50 “Il femminile e il gioco: l’esperienza del CEDISS di Palermo”

Francesca Picone, Silvana Scardina, ASP Palermo

15.20 “Percorso a ritroso di un gruppo psicoterapeutico per giocatrici”

Amelia Fiorin- ASL Castelfranco Veneto

15.50 Domande

16.00 Short talks & Round table

Esperienze italiane a confronto; punti critici del lavoro al femminile: cosa migliorare?

Discussant: Francesca Picone, Fulvia Prever

Annamaria Sani (Gat- P CH) , Marzia Spagnolo (AUSL PIEMONTE, residenziale breve), Margherita Taddeo (Ausl Taranto), Giovanna Puntellini (Orthos residenziale), Ornella De Luca (Roma), Laura Rancilio (Caritas Mi), Stefania Pirazzo (Gruppo Logos, Salerno)

17.00 Domande dal pubblico

17.15 Conclusioni

Chiusura convegno ore 17.30

*(in memoria di Marina D’Agati, sociologa e ricercatrice dell’ Università Torino )