”Tradiva la moglie con una sua dipendente”, ripreso dai boss a Paceco

Le antiche regole di Cosa Nostra nella famiglia mafiosa di Trapani valgono ancora. E tra i divieti: quello di essere riservati nelle relazioni extraconiugali. Accade così – come racconta il Giornale di Sicilia oggi in edicola – che Carmelo Salerno, di Paceco, per avere trasgredito a questa regola, si prende una ramanzina da due uomini d’onore: Franco Orlando e Pietro Virga. Dalle risultanze investigative dell’operazione «Scrigno» emergono elementi relativi all’esistenza, all’interno di Cosa Nostra trapanese, della «regola imposta storicamente agli appartenenti alla consorteria mafiosa che prevede la riservatezza di eventuali relazioni extraconiugali».

Orlando e Virga acquisiscono informazioni sulla relazione extraconiugale tra Salerno e la sua dipendente. Come racconta il Gds, è il 2 luglio del 2016, Francesco Orlando incontra Carmelo Salerno e suo figlio Giuseppe a Dattilo. Orlando, nella qualità di «uomo d’onore» della famiglia di Trapani, ammonisce e richiama formalmente Carmelo Salerno ad assumere un comportamento consono e rispettoso delle regole interne a cosa nostra, accusandolo di avere una relazione extraconiugale con un’altra donna. Salerno commenta sarcasticamente quel richiamo, collocandolo in un contesto mafioso, come intuibile dai paragoni espressi in relazione alle presunte relazioni extraconiugali di Vincenzo Virga e Vito Sugamiele: «Iddu niente iddu è iddu è immune a me, hanno ficcato sempre tutti, però non si dice, a me io 56 anni ho storie ne so di tutti allo zu Vicenzo gli facevano i pompini», «chi mi cunti u cunto u zu Vito Sugamiele non aveva pure a Paceco l’azza? Stava tutto il giorno buttato a casa di quella ma digli che la finisce».

L’attenzione per la relazione extraconiugale di Salerno, era oggetto di un colloquio ancora tra i due Salerno: Giuseppe ed il padre Carmelo, a distanza di quasi 2 anni, il 18 aprile 2018. Dal colloquio, come riporta il Gds, emergeva che Virga e Orlando tolleravano a malincuore, la relazione extraconiugale di Salerno conla donna sposata. Giuseppe: «Quello l’altro giorno ha fatto un bordello u nicu (Pietro Virga,ndr) perché sa tutti i discorsi di questa Enza (l’amante del padre) ti ha visto lui con i suoi occhi! Mi ha detto se si butta negativo con me, non lo saluto più!». Salerno diceva al figlio d’aver già discusso della vicenda con Virga il quale gli avrebbe consigliato di continuare quella relazione extraconiugale ma con molta discrezione.