Mafia: ucciso a New York Frank Calì, boss della famiglia Gambino

L’italoamericano Francesco ‘Frank’ Calì, 53 anni, è stato vittima ieri sera di un agguato davanti alla sua residenza di Staten Island (New York City) ed è morto in ospedale a causa delle ferite riportate da colpi di arma da fuoco: lo riferiscono i media Usa, che citano la polizia locale.  Secondo i media si tratta del primo assassinio di rilievo negli ambienti della criminalità organizzata di New York da oltre 30 anni. L’agguato è avvenuto alle 21:00 ora locale (le 2:00 di oggi in Italia). Frank Calì, originario di Palermo, era considerato il mediatore fra la mafia americana e Cosa nostra siciliana. Conosciuto come “Franky Boy”, ”capodecina” della famiglia Gambino – come riportato dal New York Daily News – sarebbe stato ucciso con sei colpi di arma da fuoco al petto e poi investito da un’auto.