“Le uve raccontano“, presentato al Vinitaly report su coltivazione vitigni in Sicilia con sistema di sorveglianza satellitare meteorologico

Nelle vigne rinate dopo il terremoto della Valle del Belìce, e in quelle che dalle colline degradano verso il mar Mediterraneo, più di duemila viticoltori siciliani di “Colomba Bianca biocantine siciliane“ coltivano uve di qualità grazie alle moderne tecnologie. Rilevazioni con centraline collegate ad un sistema Gps, che fornisce in tempo reale i dati ad una task force di agronomi ed enologi, consente, infatti, ai 2480 soci di “Colomba Bianca“ di essere aggiornati via sms sulle condizioni meteo ottimali per i vitigni e di ottenere informazioni su come affrontare i cambiamenti climatici in arrivo, siccità e alluvioni comprese. «Coltiviamo le nostre viti sui terreni risorti dopo il terremoto del 1968 che ha colpito la Valle del Belìce: un’esperienza che ci ha fatto capire che è possibile ottenere il meglio non soltanto grazie al clima favorevole della Sicilia ma anche in situazioni estreme» dice Dino Taschetta, presidente di Colomba Bianca dal 1996, alla presentazione del libro “Le uve raccontano“ a Vinitaly 2019. “Crediamo tanto alla produzione del biologico in Sicilia” aggiunge l’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, intervenuto alla presentazione. “A breve pubblicheremo un nuovo bando per aiuti al settore”. “Puntiamo molto anche sulla digitalizzazione per il rilancio della Sicilia” ha detto Gaetano Armao, vicepresidente della Regione Siciliana. “La conoscenza e l’evoluzione sono due modi per rendere competitiva la nostra Isola”.

IL VOLUME“Le uve raccontano“ è il volume che descrive la coltivazione annuale dei vitigni: il report,  giunto alla sua settima edizione, realizzato da Colomba Bianca – in collaborazione con l’Assessorato dell’Agricoltura della Regione Siciliana, l’Osservatorio delle Acque e il Sias (Servizio Informativo Agro meteorologico Siciliano) – è stato illustrato in occasione di una degustazione in anteprima dei vini della vendemmia 2018 nel Padiglione Sicilia al Vinitaly. L’azienda imbottiglia vini bianchi, rossi, rosati e bollicine ottenuti dalle uve coltivate su vigneti sparsi su 43 comuni siciliani. Il libro è articolato in sezioni specifiche: andamento climatico, sviluppo vegeto-riproduttivo, situazione fitopatologica, parametri qualitativi delle uve, dati quantitativi e sostenibilità ambientale in viticultura.

CONSTANCY «La continuità nel garantire la qualità dei vini è ottenuta grazie ad applicazioni di viticoltura di precisione, sistema di rilevazione satellitare che ci consente di risolvere i problemi che il cambiamento climatico può provocare all‘agricoltura e persino di programmare i tempi della vendemmia» aggiunge Filippo Paladino, vice presidente. A oggi, Colomba Bianca è uno dei più grandi produttori di vino biologico in Europa: la produzione biologica del 2018 è di 14 milioni di litri, ovvero il 25% della produzione totale (55 milioni di litri).

IL METODO Sono 260 i coltivatori che partecipano al progetto pilota e sono 300 gli ettari di vigneti-testimoni che vengono monitorati settimanalmente come riferimento di intere zone. Lo studio e la catalogazione dei dati vengono completati dai sopralluoghi e dalle analisi sul campo, effettuate dai tecnici di “Colomba Bianca”. Il report, dove è geolocalizzato ogni singolo vigneto, viene quindi inviato a tutti i coltivatori dell’azienda che partecipano anche ad attività di formazione legata alle tecniche di agricoltura biologica. Una delle particolarità è proprio la posizione dei vigneti, coltivati sotto il sole di Sicilia, tra vento, temperature ottimali e gli influssi positivi del mar Mediterraneo, che agisce da cuscinetto contro il climate changing. Nel libro “Le uve raccontano” si analizzano anche i tempi di maturazione delle uve dei singoli vitigni e le date in cui sono state vendemmiate, seguendo i ritmi della natura e adeguando ad essa il calendario di lavorazione delle cantine. Incrociando i dati relativi a umidità, temperatura e vento, i tecnici di Colomba Bianca riescono anche a difendere le viti dal rischio di malattie. «Il monitoraggio ci permette di seguire la naturale crescita delle piante e di intervenire in caso di situazioni avverse. E di coordinare le attività di vendemmia secondo le tipologie di vitigni destinati alla produzione di vino e all’imbottigliamento» spiega il vice presidente Filippo Paladino.

INFORMAZIONI VIA SMS – «Il costante monitoraggio dei nostri vigneti» racconta Antonio Pulizzi, enologo di “Colomba Bianca“ «ci consente di ottenere informazioni per aggiornare via sms tutti i nostri viticoltori. Questo avviene osservando la fenologia e l’evoluzione delle avversità della vite, valutando la percentuale di diffusione e l’intensità del danno, insieme ai dati meteorologici registrati dalle nostre centraline meteo. In questo modo ottimizziamo il posizionamento degli interventi fitosanitari specifici per territorio: si interviene non secondo i tempi dettati dal calendario ma quando è necessario. Operando quasi chirurgicamente, proteggiamo l’ambiente, il viticoltore e, in definitiva, il consumatore». «La collocazione al centro del Mediterraneo offre alla Sicilia un vantaggio» aggiunge Luigi Pasotti, meteorologo dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana. « L‘isola è soggetta a flussi freschi dai Balcani quando l’anticiclone nordafricano si dispone sul Mediterraneo centro-occidentale, e ciò manifesta il cambiamento climatico in Sicilia come più lento e graduale, offrendo un vantaggio rispetto alle aree centro-settentrionali del Paese. Se tale comportamento si confermerà in futuro, la Sicilia non potrà che accrescere la propria competitività in fatto di vocazionalità e di capacità a mantenere gli attuali elevati livelli qualitativi delle produzioni».

«VALORIZZARE IL LAVORO DEI VITICOLTORI» – «Con questo progetto siamo riusciti, coinvolgendo tutti i diversi anelli della filiera vitivinicola, a migliorare la qualità delle nostre uve conferite, diversificandole per varietà e territorio di provenienza. Riusciamo così a proteggere i nostri raccolti anno dopo anno, aumentando il valore del lavoro dei nostri viticoltori» conclude il presidente Taschetta. «Il nostro auspicio è quello di creare una vera rete tra le altre cooperative del territorio e, tramite questo sistema, dare un valore aggiunto all’intera provincia nell’agricoltura di qualità».