Agrigento, nominati i commissari di Hydortecne dopo l’interdittiva antimafia

Non si occuperanno soltanto della gestione straordinaria e temporanea della Girgenti Acque, come fanno ormai da quasi 5 mesi. Ma anche di quella della Hydortecne: la società a responsabilità limitata, controllata proprio da Girgenti Acque, che, martedì scorso, ha ricevuto un’interdittiva antimafia. A nominare Gervasio Venuti e Giuseppe Massimo Dell’Aira, commissari per la straordinaria e temporanea gestione della Hydortecne, è stato il prefetto di Agrigento Dario Caputo che ha, prima, naturalmente, chiesto il parere del presidente dell’autorità nazionale Anticorruzione.

«La necessità è quella di garantire, attraverso la gestione straordinaria e temporanea della società, la continuità di funzioni e servizi indifferibili – ha scritto il prefetto Dario Caputo come riporta il Giornale di Sicilia – per la tutela dei diritti fondamentali, nonché per la salvaguardia dei livelli occupazionali». Il prefetto ha disposto, oltre alla nomina dei commissari, che Venuti e Dell’Aira valutino la possibilità di realizzare, e dove possibile, disporre il progressivo trasferimento da Hydortecne a Girgenti Acque delle attività e del personale destinati ai servizi essenziali per il servizio idrico integrato «in modo da eliminare definitivamente – scrive Dario Caputo – le funzioni di sub concessione e subappalto fino ad oggi impropriamente espletate da Hydortecne, nonché di ridurre i costi totali e assicurare il miglioramento dei livelli di servizio, avendo come obiettivo la garanzia della continuità delle funzioni e dei servizi indifferibili».