Vino, tutto pronto per la Giornata internazionale del Nero d’Avola 2019 a Portopalo di Capo Passero

Tutto pronto per la Giornata internazionale del Nero d’Avola 2019 che andrà in scena l’11 maggio a Portopalo di Capo Passero (Siracusa). L’iniziativa dedicata al più noto dei vitigni autoctoni siciliani è ideata da Carmelo Sgandurra, in arte Zosimo, master sommelier e autore della Nda – Guida del Nero d’Avola, è organizzata dall’Associazione Club Sommelier Italia. Il Nero d’Avola – viene sottolineato in una nota – rappresenta il vitigno “Principe” di Sicilia, la storia, il gusto, le  sue  nuance,  esprimono  il  vero carattere di ogni Siciliano. Rosso, intenso, dal calore unico e dal gusto che lascia un ricordo indelebile in ogni palato di chi lo incontra, è un grande  compagno  della  cucina internazionale. Negli  ultimi  anni  è  cresciuto,  è diventato un gran vino, grazie anche alla DOC Sicilia che lo rappresenta, il nero  d’Avola  viene  apprezzato  in ogni parte del mondo.

La  NDA  –  Guida  al  Nero  d’Avola, redatta da Zosimo nelle sue ultime edizioni, è stata stampata in 9 lingue, quasi  100.000  copie,  distribuite  in numerose nazioni nel mondo, tra cui oltre all’Italia, Russia, Cina, Georgia, Corea, Romania. Ogni  anno  in  occasione  dell’11 Maggio  si  celebra  la  Giornata Internazionale  del  Nero  d’Avola, giornata itinerante. L’edizione 2018 si è  svolta  nella  meravigliosa  città  di Agrigento,  mentre  quest’anno,  farà da  cornice  all’evento,  l’incantevole Castello  Tafuri,  nell’estrema  punta della  Sicilia  a  Portopalo  di  Capo Passero.

L’edizione 2019 avrà come filo conduttore “Il Nero D’Avola per la Sicilia nel Mondo”

Ogni vitigno storico del nero d’Avola è  cresciuto  nella  terra  del  sud, l’estremo  sud  dell’isola  di  Sicilia, dove il sole ha un effetto speciale su tutto, dove la brezza marina connota ogni  respiro,  dove  tutto  diventa magico  in  una  terra  da  vino  da sempre. La città di Pachino anche se fondata in  epoca  recente  nel  1760,  trae  il nome da due parole greche “Pachis” che  significa  abbondante  e  “Oinos” che significa vino, questa sua origine, già  dal  nome  la  riconosce  “leader” indiscussa.  Fino  alla  fine  dell’800, l’intera  produzione  di  Nero  D’Avola viene  identificata  con  il  nome  di “Pachino” o “Vino di Pachino” che era molto richiesto nel sud della Francia come base per i vini di Gironda e di Borgogna.

La  manifestazione – vedrà  la partecipazione  di  numerosi personaggi  del  mondo  del  vino  a livello  internazionale,  coordinata  con la  presenza  di  giornalisti  provenienti dall’Italia e dall’estero. Il periodo di visita va dal 10 al 12 Maggio, l’obiettivo è  promuovere  i  “Vini  Top provenienti da uve Nero D’Avola”. La  giornata  dell’11  Maggio,  inoltre, vedrà  tutti  i  protagonisti  del seminario,  insieme  alle  autorità, discutere  sulle  peculiarità  del  vitigno e le sue eccellenze. Il titolo “Il Nero D’Avola per la Sicilia nel Mondo”

L’argomento si concentrerà su come portare  il  Nero  D’Avola  nei  mercati nazionali  ed  internazionali,  con particolare attenzione alle eccellenze produttive, la tendenza di evidenziare i  territori  di  produzione  e  le  loro peculiarità,  le  vigne  intese  come “Cru”,  le  novità  produttive  ed enologiche. Il programma sarà pubblicato sul sito www.nerodavolawine.comche aggiornerà  il  pubblico  sulla manifestazione.

Location. Li  verso  il  mare,  si  staglia  il “Palmento  Rudini”,  monumento storico  di  una  viticotura  da  sempre presente,  il  mare…  quel  mare  porta verso  l’estrema  punta  dell’isola,  e guardando l’isolotto di Capo Passero si  erge  il  Castello,  che  ogni  singolo abitante conosce per la sua bellezza.Il  Castello  Tafuri,  costruito  da  una nobile  famiglia,  i  “Marchesi  di Belmonte”  nel  1933,  accanto  alla Tonnara  simbolo  del  luogo, interamente  costruito  con  la  pietra della  cava  dell’isola  delle  correnti, dagli  anni  60  di  proprietà  della Famiglia Tafuri. Quest’anno,  il  Castello  sarà  la location  della  “Giornata Internazionale  del  Nero  D’Avola” dove produttori, giornalisti, amatori e personaggi  del  mondo  del  vino condivideranno una esperienza unica per celebrare il “principe di Sicilia”.