Usura, tassi fino al 300% annuo: arrestati padre e figlio a Licata

Due presunti usurai, padre e figlio, sono state sottoposte a fermo di indiziato di delitto – provvedimenti firmati dai pm della Dda di Palermo Claudio Camilleri e Pierangelo Padova – dai poliziotti della Squadra mobile di Agrigento e da quelli del commissariato di Licata. Avrebbero preteso dalle oro vittime (commercianti, liberi professionisti, imprenditori e perfino un disoccupato) un tasso del 20% mensile e in alcuni casi quello annuo sarebbe arrivato al 300%. Pochi, appena quattro, coloro che hanno denunciato quanto accadeva, ma chi l’ha fatto ha permesso alla polizia di sviluppare l’inchiesta. I fermati sono Antonino Greco, 49 anni, sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, e il figlio Paolo, 22 anni, sottoposto agli arresti domiciliari. Entrambi sono stati ritenuti responsabili, a vario titolo e anche in concorso, di usura continuata e tentata estorsione ai danni di 4 persone di Licata. Per alcuni episodi – ha reso noto, stamani, il vice questore Giovanni Minardi, dirigente della Mobile di Agrigento – e’ stata contestata l’aggravante dell’utilizzo dei metodi mafiosi. (ANSA)