“Lampedusa per un Mediterraneo di Pace”, affisso striscione nel balcone della stanza del sindaco

“Lampedusa per un Mediterraneo di Pace”: e’ la frase scritta su uno striscione appeso questa mattina sul prospetto del Municipio di Lampedusa, al balcone dell’ufficio del sindaco Toto’ Martello. “Nessuno rimuovera’ questo striscione”, ha detto don Luigi Ciotti, presidente di Libera, che stamane insieme al primo cittadino ha accolto proprio nella piazza di fronte al palazzo del Comune centinaia di giovani lampedusani e linosani dell’Istituto Pirandello in occasione di “Libera la Natura”, l’iniziativa giunta sull’isola alla sua nona edizione.Don Ciotti ha ribadito, parlando ai tanti giovani presenti in piazza, “la necessita’ che ognuno faccia la propria parte nella direzione della pace e dell’accoglienza. “Ma la prima riforma da fare nel nostro Paese – ha detto – e’ la riforma delle nostre coscienze”. Martello ha poi ribadito l’importanza di non fermarsi alle parole: “Ognuno di noi deve agire concretamente per costruire una societa’ piu’ equa e solidale. Non basta commuoversi, bisogna muoversi”. (ANSA)