Porto Empedocle, 35enne arrestato per furto di cavi di rame

I Carabinieri della Stazione di Porto Empedocle hanno sorpreso in flagranza di reato un empedoclino 35enne che era riuscito ad impossessarsi di circa 220 chili di cavi di rame, dopo essere penetrato all’interno di una nota azienda del luogo. In particolare, in orario pomeridiano, l’uomo si era arrampicato sulla recinzione dell’azienda ed era riuscito ad entrare all’interno dello stabilimento produttivo. Successivamente, avvalendosi di un grosso seghetto, era riuscito ad impossessarsi di due grandi bobine di cavi di rame, del peso complessivo di circa 220 chili. Ma mentre stava operando indisturbato, è stato notato da un addetto dell’azienda, che ha subito dato l’allarme alle forze dell’ordine. In un lampo due pattuglie dell’Arma sono accorse presso la ditta in questione, ubicata in contrada Vincenzella, circondandola lungo tutto il perimetro. Scattavano immediate le ricerche del fuggitivo ed improvvisamente, i militari scorgevano un uomo che subito saltava dalla recinzione tentando una repentina fuga a piedi. Ma in quel frangente, due Carabinieri della Stazione di Porto Empedocle lo hanno subito rincorso e raggiunto, stringendogli le manette ai polsi con l’accusa di ”Tentato furto aggravato” e sequestrandogli il seghetto utilizzato. L’uomo, Calogero Trameli, 35 enne, già noto alle forze dell’ordine, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato subito trasferito agli arresti domiciliari. La refurtiva in questione è stata prontamente recuperata e verrà restituita all’azienda.