Pensioni, Salvini all’Ue: obiettivo del governo è Quota 41

“Sulla legge Fornero siamo solo all’inizio. La lettera dell’Ue ci dice che abbiamo sbagliato a iniziare a smontarla e ad approvare quota 100. Io rispondo educatamente che siamo solo all’inizio perche’ l’obiettivo e’ quota 41″: lo ha annunciato Matteo Salvini a Foligno. “Andare in pensione dopo 41 anni di fabbrica, di negozio o di ospedale – ha sottolineato il leader della Lega come riporta l’Ansa – mi sembra il minimo. Quindi sara’ un bel confronto tra due prospettive diverse, di vita”.

A pensarla come Salvini, tra gli altri, la Uil ribadisce la richiesta di “continuare a modificare la legge Fornero sulla previdenza” introducendo la possibilita’ di andare in pensione con 41 anni di contributi. “Negli ultimi tre anni – sottolinea il segretario confederale Domenico Proietti – l’Italia ha solo cominciato un riallineamento per l’eta’ di accesso alla pensione intorno ai 63 anni, come avviene in tutti i Paesi dell’Unione Europea. Nessuna marcia indietro quindi, ma solo un primo passo verso un sistema previdenziale piu’ equo e giusto. Bisogna continuare a modificare la Legge Fornero, affrontando il tema dei 41 anni di contributi, le future pensioni dei giovani e valorizzando, ai fini previdenziali, il lavoro di cura delle donne e la maternita’. Il Governo separi finalmente – conclude – la spesa previdenziale da quella assistenziale, dimostrando all’Europa che l’Italia spende per pensioni l’11% del pil, un punto in meno della Francia e mezzo punto in meno della Germania.