Giornalisti Borrometi e Ruotolo si autosospendono per Feltri dopo frasi su Camilleri

“Caro Presidente, abbiamo deciso di autosospenderci dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti perche’ ci consideriamo incompatibili con l’iscrizione all’albo professionale di Vittorio Feltri”. Comincia cosi’ la lettera aperta scritta da Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo al presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna. “Proprio noi, che piu’ di altri, ci battiamo per la difesa dell’articolo 21 della Costituzione, riteniamo gli scritti e il pensiero del direttore Feltri veri e propri crimini contro la dignita’ del giornalista” scrivono i due giornalisti. “Le parole di Vittorio Feltri su Andrea Camilleri e le sue opere – aggiungono – hanno rappresentato per noi la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Ne va della credibilita’ di ognuno di noi e della nostra categoria. Adesso basta. O noi o lui. Quel “terrone che ci ha rotto i coglioni” per noi figli del Sud e’ inaccettabile. Non e’ in gioco la liberta’ di pensiero. Sono in gioco i valori della nostra Costituzione. Ogni suo scritto trasuda di razzismo, omofobia, xenofobia”. (ANSA)