Pirandello, caos e appunti di viaggio: spunta il Taccuino di Bonn

Il 28 giugno 1867 nasceva Luigi Pirandello. Nello stesso giorno, in occasione del 152 anniversario, saranno esposti presso la Casa natale di contrada Caos alcuni documenti dell’importante fondo documentario posseduto dalla Biblioteca Museo. Dalle 18 a mezzanotte una maratona di lettura raccontera’ il tema del viaggio declinato secondo le varie arti. La Casa museo esporra’ l’importante manoscritto noto come “Taccuino di Bonn”. Il quadernetto, che accompagno’ il drammaturgo per tutto il soggiorno in Germania e restituisce una viva testimonianza sulla sua rielaborazione creativa e sull’origine di tante opere future delle quali si possono seguire l’ideazione e la realizzazione. Nel taccuino, ad esempio, sono annotate le Elegie Boreali che piu’ tardi saranno date alle stampe col titolo di Elegie renane. E poi ancora si trovano numerosi disegni, appunti di viaggio e frammenti di abbozzi teatrali, anche alcune poesie della raccolta Pasqua di Gea pubblicata nel 1891 grazie al contributo finanziario del padre Stefano: un’opera che il giovane autore, in una lettera alla sorella, definisce “un vero gioiello: l’ho scritto in uno di quei momenti artistici che non capitano due volte in una vita” e ancora, in un’altra lettera aggiunge “ho dato con essa il saluto alla mia giovinezza”.

Insieme al manoscritto sara’ esposta una lettera indirizzata alla sorella Rosolina e, con essa, alcuni fili d’erba raccolti sulla tomba di Schumann che Luigi Pirandello chiede siano conservati “come dolce e mesta reliqua”. Infine, sara’ esposta l’edizione del 1889 della raccolta poetica “Mal Giocondo”, opera data alle stampe poco prima della partenza di Pirandello per la Germania. Della raccolta, dove trovano spazio anche riferimenti alle tormentate conseguenze di un prematuro e non meditato fidanzamento con la cugina Lina, il giovane autore dira’ in una lettera da Bonn alla sorella “E’ un libro che non posso piu’ vedere dinanzi agli occhi pei molti errori di stampa che lo deturpano”. Al primo piano della Casa natale sara’ allestita un’esposizione di opere di Bruno Caruso, pittore, disegnatore e scrittore di fama internazionale recentemente scomparso. Realizzata in collaborazione con la Soprintendenza di Agrigento, l’allestimento prevede una serie di cinque ritratti legati all’universo di Pirandello: acquistata negli anni ’90 dalla Biblioteca Museo Pirandello, comprende un olio su tela e quattro prove d’autore (acquaforte e litografie). (AGI)