Commercio, Confartigianato: Sicilia deve puntare su qualità

“Il Mezzogiorno va amato da tutti gli italiani, ci salviamo tutti insieme. Credo che l’artigianato debba essere maggiormente tutelato e bisogna puntare sulla qualita’. Ma se pensiamo di competere con la Cina, siamo fuori strada”. Lo ha detto il presidente nazionale di Confartigianato imprese, Giorgio Merletti oggi a Siracusa, all’assemblea provinciale per il rinnovo delle cariche elettive. Licia Redolfi, responsabile dell’Osservatorio Mpi di Confartigianato imprese Sicilia, ha fornito alcuni dati: “sono 415.347 i turisti che hanno visitato il territorio di Siracusa nel 2018, pari all’8,3 per cento del numero di arrivi registrati in Sicilia. In provincia di Siracusa il flusso di turisti scende: -4,7 per cento nel 2018 rispetto al 2017.

Diminuzione determinata dall’accentuato calo di turisti italiani (-9,6 per cento), mentre le presenze straniere, Francia, Germania e Regno Unito, continuano ad aumentare (+0,8 per cento)”. “Dobbiamo credere di piu’ nelle nostre capacita’. Questa regione vanta il 10 per cento del patrimonio artistico italiano: bisogna investire e l’ente pubblico incide in maniera negativa. Devo constatare che non si investe sulla formazione del personale dei Beni Culturali, c’e’ un Assessorato in caduta libera – ha concluso il vice presidente nazionale di Confartigianato imprese, delegato per il Mezzogiorno, Filippo Ribisi – Confartigianato diffonde una “cultura dell’Accoglienza” in varie parti della Sicilia come Avola, Enna, nel messinese, a Palermo”. (ANSA)