Eraclea Minoa, liberate due tartarughe curate al Cretam

Una giornata intensa all’insegna della prevenzione ed educazione ambientale con seminari, attività in spiaggia e laboratori. Due tartarughe della specie Caretta caretta sono state liberate in mare, sabato scorso, presso l’Oasi Marevivo ad Eraclea Minoa – Bovo Marino, in provincia di Agrigento. L’iniziativa, voluta dall’associazione ambientalista Marevivo con il sostegno della Fondazione con il Sud, si è svolta in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia sede del C.ReT.A.M. dove le Caretta caretta sono state curate e riabilitate. Entrambe le tartarughe recuperate dalla Capitaneria di Porto di Palermo erano di sesso femminile e, solo dopo indagini diagnostiche e terapie di supporto presso il Centro di Monitoraggio e Controllo di Tartarughe marine e cetacei, sono state riabilitate alla re immissione in natura.

“È importante educare la cittadinanza alla salvaguardia dell’ambiente marino – ha detto il commissario straordinario dell’Izs Sicilia Salvatore Seminara – e con queste iniziative in giro per la Sicilia siamo certi di riuscirci. Continueremo a lavorare per sensibilizzare l’opinione pubblica”. Hanno aderito all’iniziativa l’Assessorato Regionale all’Agricoltura – Dipartimento sviluppo rurale; i Comuni di Ribera e Cattolica Eraclea; Castalia – Italian Marine Ecology Company; gli Istituti Scolastici “Ezio Contino” di Cattolica Eraclea-Montallegro; “Francesco Crispi” ad indirizzo musicale di Ribera; I.I.S.S. “Francesco Crispi”; I.C. ad indirizzo musicale “Francesco Navarro”; la Cooperativa sociale Arcobaleno”.