Mafia, in beni confiscati a Catania posti letto per senza tetto

Due immobili confiscati alla mafia nello storico quartiere di San Cristoforo a Catania sono stati destinati a dodici posti letto per ‘senza tetto’. Dopo la ristrutturazione, i locali sono stati consegnati dal sindaco, Salvo Pogliese, e dall’assessore ai servizi sociali, Giuseppe Lombardo, a tre enti no profit: Croce Rossa, Accoglienza e Solidarieta’ e Fondazione Ebbe’ne. “Un fatto di grande valenza, anche simbolica – sottolinea il sindaco – trasformare questi due appartamenti, dapprima in mano alla delinquenza organizzata, per adibirli alle necessita’ dei piu’ bisognosi. Dopo avere affrontato innumerevoli difficolta’ per completare la riqualificazione, dovute principalmente al dissesto, siamo in grado ora di offrire alternative valide a chi rimane sulla strada per carenza dei mezzi che gli consentano di avere un’abitazione”. Pogliese ha anche annunciato che entro questo mese saranno pronti altri due immobili destinati ai senza tetto, uno nella zona di San Leone e l’altro nel rione San Giorgio e che saranno anch’essi affidati ad associazioni no profit, portando complessivamente a una trentina i posti letto immediatamente disponibili per l’accoglienza dei senza tetto”. (AGI)