Vino, al via selezione per Mondial des Vins Extrêmes

L’assessorato del Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali della Regione autonoma Valle d’Aosta, il Centro di ricerca e valorizzazione per la viticoltura montana (Cervim), l’Associazione viticoltori Valle d’Aosta (Vival), e l’Associazione italiana sommelier Valle d’Aosta informano che dall’11 al 13 luglio, presso l’Hotel Étoile du Nord di Sarre (Aosta), si terranno le Selezioni della 27ma edizione del Concorso enologico Mondial des Vins Extrêmes. Al Concorso parteciperanno vini provenienti da zone vitivinicole eroiche di tutto il mondo. I vini ammessi sono quelli prodotti da uve e vigneti che presentano almeno una delle seguenti difficoltà strutturali permanenti: altitudine superiore ai 500 metri slm, ad esclusione dei sistemi viticoli in altopiano, oppure pendenze del terreno superiori al 30%, o ancora sistemi viticoli distribuiti su terrazze o gradoni e viticolture delle piccole isole.

“Presentiamo con soddisfazione questa importante manifestazione internazionale – commenta l’assessore al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, Laurent Viérin – che come assessorato supportiamo, specificamente dedicata ai vini prodotti in zone caratterizzate da viticolture eroiche. Il Concorso si propone non solo di promuovere, ma anche di salvaguardare le produzioni di piccole aree vitivinicole che si caratterizzano per storia, tradizione e unicità di grande valore ambientale e paesaggistico”.

“Il Mondial des vins extrêmes – spiega – porta in Valle d’Aosta tante aziende vitivinicole che provengono da tutto il mondo, con produzioni di qualità che premiano il grande lavoro dei viticoltori, impegnati in territori con altitudini e con pendenze a giusto titolo definiti eroici. I vini selezionati dalle giurie saranno presentati al pubblico nella splendida cornice del Forte di Bard, il 30 novembre e il 1° dicembre 2019, durante la manifestazione Vins Extrêmes, che rappresenta non solo una vetrina importante per la valorizzazione e la promozione dei vini valdostani e di viticoltura estrema, ma anche un momento di promozione integrata di tutta la Valle d’Aosta e delle sue eccellenze produttive e culturali”.

Al termine delle degustazioni, che verranno effettuate da esperti degustatori provenienti da tutta Europa, verrà stilata la classifica finale in base al punteggio acquisito. I premi sono suddivisi in Gran Medaglia d’Oro, Medaglia d’Oro e Medaglia d’Argento, oltre a ulteriori premi speciali destinati al miglior VINO e alla miglior Cantina per Paese partecipante, il miglior VINO in assoluto, il miglior VINO biologico e biodinamico, il miglior Giovane produttore (età inferiore ai 35 anni), la miglior Donna produttrice e, infine, un premio destinato alla Regione viticola partecipante con il maggior numero di vini.

La premiazione del Concorso avverrà al Forte di Bard, il 1° dicembre 2019, nell’ambito della manifestazione Vins Extrêmes. “Sarà un’edizione da record – sottolinea Roberto Gaudio, presidente Cervim – la 27ma del Mondial des Vins Extrêmes, l’unica manifestazione enologica dedicata ai vini prodotti in zone caratterizzate da viticolture eroiche. Quest’anno avremo oltre 900 vini in degustazione durante il concorso (erano 723 nel 2018): numeri da record anche per quanto riguarda le aziende, 340, e per i Paesi partecipanti, 25, che testimoniano la continua crescita del concorso e la sempre maggiore attenzione da parte delle aziende”.

Con i numeri di quest’anno, il Mondial – prosegue – rientra a pieno titolo tra i grandi concorsi internazionali, se si tiene conto che il nostro è esclusivamente rivolto a vini prodotti in contesti particolari e con precisi parametri di ammissione. Grande soddisfazione, inoltre, è avere ogni anno aziende partecipanti provenienti da nuovi paesi: novità assolute saranno infatti il Perù, la Bolivia, Cipro e Malta, mentre fra le Regioni italiane sarà la prima volta per i vini della Basilicata e del Molise”. “Il Mondial des Vins Extrêmes – dice Stefano Celi, presidente Vival – si conferma una volta di più punto di riferimento per i vini eroici di tutto il mondo. E ancora di più per i vini valdostani, sempre numerosi nel partecipare a questa competizione capace di valorizzare il frutto del lavoro dei viticoltori che con pazienza e fatica non solo producono eccellenze, ma contribuiscono al mantenimento del territorio. I vini potranno essere degustati durante Vins Extrêmes che alla sua terza edizione si conferma evento di riferimento della viticoltura eroica”. (Adnkronos)