Pensioni e reddito di cittadinanza, governo: presentate 1.372.009 domande

Le domande presentate all’Inps per usufruire del reddito/pensione di cittadinanza ammontano a 1.372.009. Quelle accolte risultano essere 737.159 per il reddito di cittadinanze e 102.661 per la pensione. Lo ha detto il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, rispondendo in commissione Lavoro alla Camera a un’interrogazione a firma FI. L’Istituto di previdenza, come ha riportato ancora il sottosegretario, ha precisato che il beneficio si caratterizza come pensione di cittadinanza solo successivamente alla fase di istruzione e accoglimento della domanda; quindi, le domande con problematiche emerse in fase di verifica dei requisiti (come ad esempio le respinte per superamento della soglia Isee o del reddito familiare) sono indistinte dal punto di vista della classificazionereddito/pensione di cittadinanza.

Sulla base di questa informazione, il sottosegretario ha riferito che le domande respinte ammontano a 376.121, quelle decadute a 8.952, quelle sospese in attesa di documentazione integrativa a 25.908 e le domande revocate a 64. In riferimento alle pensioni di cittadinanza, l’Istituto ha infine segnalato che sono stati disposti 239.896 accrediti per un totale di 49.654.562,01 di euro, riferiti alle mensilità poste in pagamento dal mese di aprile 2019 in relazione alle domande presentate a decorrere dal 6 marzo 2019. (Public Policy)