Menu dei ristoranti italiani ora dialogano con turisti stranieri, QR Code per valorizzazione Made in Italy

Per i tanti turisti che scelgono l’Italia come meta di viaggio la varieta’ di prodotti tipici e le diverse cucine regionali sono un plus al viaggio ma anche una Babele di difficile comprensione. Un menu poliglotta e accessibile dallo smartphone e’ la soluzione offerta dall’intesa sottoscritta dagli chef e ristoranti associati all’Associazione Italiana Ambasciatori del Gusto (AdG) che, per la valorizzazione piu’ autentica del Made in Italy, ha scelto l’innovazione tecnologica d’avanguardia messa a punto dalla piattaforma Dishcovery. Con uno speciale accordo tutti gli associati di AdG potranno da oggi usufruire gratuitamente degli inediti servizi offerti dalla start-up italiana, fondata a Modena nel 2018 da Giuliano Vita e Marco Simonini e premiata dal Politecnico di Milano come miglior Travel Startup.

Il menu – che puo’ essere stampato per venire incontro alle esigenze dei meno giovani – viene digitalizzato in formato mobile diventando interattivo e facilmente consultabile da smartphone, senza alcuna necessita’ di scaricare alcuna applicazione, grazie all’apposito QR Code creato ad hoc. Nei contenuti traduzione ma anche spiegazione, contestualizzazione e informazioni utili: Dishcovery rende ogni tipologia di menu accessibile affiancando al testo tradotto in molteplici lingue – e’ garantita la certificazione ISO 9001 – un panel di servizi aggiuntivi dedicati ai singoli ingredienti, agli allergeni, alla storia del piatto e agli abbinamenti di vino consigliati.

“Vogliamo far conoscere in maniera innovativa – sottolinea Giuliano Vita, Ceo e co-fondatore di Dishcovery – i prodotti italiani agli stranieri e rendere i ristoratori capaci di raccontare l’originalita’ e l’esclusivita’ dei loro piatti” “E’ un’opportunita’ esclusiva e di grande portata, che soddisfa l’esigenza di raggiungere standard sempre piu’ elevati di qualita’ nell’offerta” conclude Gianluca De Cristofaro Responsabile tecnico-scientifico degli Ambasciatori del Gusto.(ANSA)