Mostre, si conclude a Burgio il Grand Tour della ceramica classica italiana

Si conclude a Burgio la mostra nazionale itinerante “Grand Tour – Alla scoperta della ceramica classica italiana”, un viaggio in Italia attraverso la selezione di ceramiche di gusto tradizionale dalla collezione di rappresentanza di AICC. “Grand Tour”, curata da Anty Pansera, Jean Blancheart e Viola Emaldi, approda in Sicilia per mostrare il valore dell’artigianato d’eccellenza italiano, dove sara’ ospite fino a fine agosto. Dopo essere partita da Bruxelles ed aver toccato le tappe siciliane di Sciacca, Santo Stefano di Camastra e Caltagirone, si conclude il tour siciliano con l’ultima tappa a Burgio. “Grand Tour”, riporta con la mente indietro nel tempo, ai viaggi di turismo colto che fecero i piu’ illustri viaggiatori del passato, portandoci nei centri di produzione presenti in tutto il Paese.

Un omaggio alla tradizione ceramica italiana e quindi all’alto artigianato artistico che prende proprio la forma di una macchina del tempo, un viaggio nelle forme e nei decori delle suppellettili da mensa dall’antichita’ all’eta’ moderna lungo 40 citta’ italiane di affermata tradizione ceramica. “Se il Grand Tour -raccontano i curatori – ci riporta al viaggio di turismo colto di viaggiatori illustri, da Goethe a Stendhal, da Dickens a Huxley, destinato a perfezionare il loro sapere, questo Grand Tour ci porta negli innumerevoli centri di produzione ceramica, dalla Puglia al Veneto, dalla Sicilia e Sardegna alla Liguria e Piemonte, dall’Abruzzo alla Romagna e alla Toscana?ai ‘cento campanili’ della nostra penisola dove ‘cento’ stili decorativi e ‘cento’ gusti coloristici hanno costruito nel tempo una tradizione che ancora oggi si affida alla sapienza di mani esperte”. La mostra allestita da Elena Agosti all’interno della Chiesa di San Luca, verra’ inaugurata venerdi’ 2 agosto alle ore 20:00, e sara’ visitabile tutti i giorni fino al 26 agosto, dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e nel pomeriggio dalle ore 16:30 alle ore 20:00.(ANSA)