Mafia, pm: Lutri chiese ai boss uccisione di un imprenditore

Le indagini del Ros dei Carabinieri che oggi hanno portato al fermo di sette persone “hanno accertato che Lucio Lutri” il funzionario regionale siciliano arrestato per concorso esterno in associazione mafiosa, “si è rivolto alla consorteria richiedendo insistentemente l’uccisione di un uomo Giuseppe Favarò, reo di non aver onorato un debito che aveva con il suo stretto conoscente Giuseppe Noto”, si legge nel provvedimento di fermo. (AdnKronos)