Eraclea Minoa, via l’impalcatura che ingabbia il teatro greco: lunedì sopralluogo della Soprintendenza

Si punta a rimuovere l’impalcatura che ormai da anni “ingabbia” il teatro greco di Eraclea Minoa. Copertura che attualmente è inappropriata per la valorizzazione e la fruizione del gioiello archeologico che risale alla fine del IV secolo a.C. e che adesso rischia di sbriciolarsi. E’ uno dei progetti a cui aveva pensato l’ex assessore regionale dei Beni culturali, Sebastiano Tusa, tragicamente scomparso nell’incidente del boeing 737 Max della Ethiopian Airlines caduto lo scorso 10 marzo ad Addis Abeba; ne aveva parlato a Ribera, lo scorso ottobre, a margine delle celebrazioni per il bicentenario della nascita di Francesco Crispi.

Come scrive oggi il quotidiano La Sicilia, lunedì il Parco archeologico, oggi responsabile di questa struttura (così come di tutti i musei e i siti archeologici e monumentali regionali della provincia) e la Soprintendenza ai beni culturali effettueranno un sopralluogo per valutare lo stato dei luoghi e iniziare a valutare delle soluzioni progettuali apposite.

Già annunciato lo scorso un possibile concorso internazionale di idee come quello bandito per la copertura dell’Arena di Verona.