Ex dipendenti Girgenti Acque/Hydortechne, comunicato stampa a un anno dal licenziamento

Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa degli operatori Girgenti Acque/Hydortechne licenziati un anno fa che si assumono la piena responsabilità di quanto scritto.

“A volte crediamo che tutto proceda come se non fosse mai accaduto nulla, come se non fosse mai capitato niente. I DIMENTICATI ci siamo sentiti come i morti viventi privi di dignità calpestati e trattati come se non fossimo mai esistiti. A un anno di distanza con la precisione il 06/08/2018 vogliamo ricordare la nostra storia, perche’siamo riusciti a capire come’ il mondo e che siamo stati noi 31 licenziati a piangere dei capricci stupidi di qualcuno che con il potere ha giocato e si e’ divertito con la nostra vita. Un anno fa siamo stati licenziati senza capire il motivo reale perche’ se si pensa che un’azienda e’ in crisi non si accetta l’azione ignobile di aver assunto persone con contratto a tempo indeterminato da Hydor a Girgenti Acque nello stesso periodo o aver aumentato stipendi…..se c’e’ crisi c’e’ crisi o forse certi hanno avuto un occhio di riguardo da parte di qualcuno?

Sapete qual’e’ la cosa peggiore? Quella di essere stati abbandonati da tutti, lasciamo perdere quelli che colleghi non sono mai stati perche’ ci hanno voltato le spalle dimostrandosi vigliacchi, ma dalle istituzioni in quanto il Prefetto non ci ha MAI richiamato per un incontro chiesto alla segretaria personalmente e dai sindacati. Abbiamo permesso un gioco scorretto a chi comandava consigliato da persone che hanno avuto troppa valutazione in questa vicenda e la cosa peggiore e’ che nessuno ha mai controllato personalmente le successive assunzioni le valutazioni e la scorrettezza di tali licenziamenti. Ci siamo chiesti il perche’un perche’ che ormai e’ inutile capire.

Ora la cosa che ci fa piu’ male e’ che i nostri figli credono che una giustizia non esiste e noi non sappiamo piu’ che raccontare….forse che nessuno ha voluto capire o forse che qualcuno ha voluto dimenticare e divertirsi? Adesso vogliamo solo dire a coloro che si sono comportati da vigliacchi VIVETE, e se riuscite a camminarea testa alta fra la gente ricordatevi che non siamo mai morti e che prima o poi tutto viene rimesso al posto giusto. Un’ultima cosa VI AUGURIAMO buona fortuna perche’ adesso ne siamo convinti in questa terra ne avete veramente bisogno. I DIMENTICATI DEL 06/08/2018”