Blue Day a Borgo Bonsignore, Marevivo: nell’Agrigentino tanta più gente sensibile e rispettosa dell’ambiente

L’entusiasmo e la grande capacità d’impegno dei volontari di Marevivo non si arresta neanche nel periodo estivo. Stamane nuova tappa delle giornate dedicate alla sensibilizzazione dei bagnanti per la tutela dei fiumi e del mare. Luogo prescelto per questo sabato di metà agosto la spiaggia di Borgo Bonsignore, località marittima del territorio di Ribera (AG), prossima alla Riserva naturale orientata Foce del fiume Platani, corso d’acqua individuato da Marevivo per la realizzazione del progetto Halikòs, che ricordiamo ad ottobre prevede con il supporto della Società Castalia l’installazione di una barriera blocca plastica a monte della foce. Il progetto, realizzato grazie al sostegno della FONDAZIONE CON IL SUD – Bando Ambiente 2018, prevede una larga partecipazione delle scuole e di tante altre istituzioni ed entrerà nel vivo delle attività nel prossimo autunno. Ma l’associazione non si è fermata neanche nel periodo estivo, intenzionata a diffondere quanto più possibile l’iniziativa approfittando della larga presenza sulle spiagge vicine alla foce e alla riserva di tanti turisti e villeggianti.

In programma attività per tutti: adulti e bambini! Laboratori didattici e brevi seminari di educazione ambientale per sensibilizzare tutti al rispetto del mare!
“In questi 35 anni di lotte ed impegno, crediamo che siamo arrivati ad un punto di svolta epocale – afferma Fabio Galluzzo, responsabile della delegazione siciliana di Marevivo – incontriamo tanta più gente sensibile e rispettosa, sovente anche molto informata sull’inquinamento e sulle condizioni del mare. Il lavoro a quattro mani portato avanti dalle associazioni ambientaliste, dai media, dalle scuole e dalle istituzioni sta per dare i frutti tanto sperati. Ma non bisogna abbassare la guardia e invitiamo tutti all’impegno personale, fatto anche di piccoli gesti quotidiani da osservare a casa e all’aperto, per garantirci un futuro migliore di quello prospettato dalle recenti valutazioni ambientali, che presumono catastrofi naturali provocate dall’eccessivo inquinamento del mare e della terra e soprattutto dai cambiamenti climatici”. Decine i volontari presenti oggi in spiaggia, tanti i bambini che vengono coinvolti nelle attività proposte che vedono protagonisti la scatola del Mare di Marevivo, piena di reperti marini spiaggiati e i giochi didattici costruiti per aiutare e sostenere la conoscenza del mare, l’importanza della tutela della biodiversità e generare nuovi comportamenti più attenti e consapevoli.